A quanto pare Kim Dotcom aveva pensato di utilizzare il dominio “me.ga” e di acquistarlo in Gabon per la rinascita del suo nuovo Megaupload (del quale avevamo già parlato in questo articolo), ma purtroppo le cose non si sono svolte nel migliore dei casi e infatti il ministro delle comunicazioni del paese africano, contrari, ha ordinato la sospensione del dominio.

The reach of the US & Vivendi: Gabon Minister announced Me.ga domain will be suspended. Calls cloud storage site cyber crime.

— Kim Dotcom (@KimDotcom) Novembre 6, 2012

Dopo questa vicenda infatti, viene da pensare che gli Stati Uniti ci abbiamo messo lo zampino ancora una volta visto che al di là delle considerazioni di tipo cospirazionalista, la diplomazia americana è nota per far pressione economica su paesi vicini alla sua sfera di influenza di piccola entità per ottenere risultati, basti pensare a come lo stesso Dotcom sia stato arrestato con procedure del tutto sbagliate ma su richiesta diretta degli USA.

Sebbene sia chiaro e scontato che il Gabon sia zona off limits, Kim Dotcom ha dichiarato che non si abbatterà d’animo per così poco ed infatti sta continuando tutt’ora a perfezionare e rifinire il nuovo servizio di file-sharing, e se i contenuti sono validi per lui un dominio vale l’altro.

Adesso non ci resta altro che aspettare il prossimo passo, ovvero l’inaugurazione del nuovo sito di file-sharing chiamato semplicemente MEGA.