Unieuro Forlì – Tramec Cento 74-72

Unieuro Forlì: Giachetti 18 (5/6, 2/6), Palumbo 13 (2/5, 1/2), Bolpin 11 (4/8, 1/6), Natali 10 (2/4, 2/2), Hayes 9 (2/5, 1/2), Pullazi 7 (3/7, 0/3), Benvenuti 4 (2/3), Bruttini 2 (1/4), Carroll (0/2 da tre), Serra n.e, Ndour n.e), Bandini n.e. All.: Dell’Agnello.
Tiri da due: 21/42 (50%). Tiri da tre: 7/23 (30%). Tiri liberi: 11/12 (92%). Rimbalzi: 37 (25+12). Assist: 12.
Tramec Cento: James 20 (10/13, 0/5), Barnes 16 (3/3, 3/5), Ranuzzi 14 (1/2, 4/5), Moreno 11 (4/5, 1/3), Berti 5 (1/3, 0/1), Tomassini 4 (1/4, 0/3), Dellosto 2 (1/2, 0/1), Gasparin (0/1, 0/3), Guastamacchia n.e., Re n.e., Zilli n.e. All.: Mecacci.
Tiri da due: 21/33 (64%). Tiri da tre: 8/26 (8/26 (31%). Tiri liberi: 6/8 (75%). Rimbalzi: 32 (25+7). Assist: 12.
Parziali: 18-16, 18-24, 16-11, 22-21.
Arbitri: Boscolo Nale, Ferretti, Giovannetti.
Spettatori: 1256.

Note: Carroll assente dal secondo quarto per febbre.

Seconda sfida stagionale per le due squadre dopo il match di Supercoppa di settembre vinto dagli emiliani. I precedenti in campionato sono nettamente favorevoli ai padroni di casa, con 5 vittorie su 5. Arrivano all’incontro a pari punti, provenendo però da percorsi opposti: Forlì è in cerca di riscatto dopo la brutta sconfitta di domenica scorsa a Verona, mentre Cento viene da una striscia di due vittorie consecutive, di cui una proprio contro i veneti. Infine, gradito ritorno per Alex Ranuzzi, che gli appassionati ricorderanno tra i protagonisti della memorabile salvezza Fulgor Libertas nella stagione 2010-11.

La gara comincia a ritmi alti da entrambe le parti, con James che apre le danze con un canestro dalla media. Per l’Unieuro è Palumbo il primo a segnare, dopo una penetrazione di forza nell’area emiliana. Hayes cerca il feeling col canestro per 4 azioni di fila trovando i due punti solo nell’ultima azione. Nel frattempo la Tramec scappa sul +6 grazie a tiri ben costruiti. I romagnoli si riavvicinano piano piano dopo l’ingresso in campo di Bolpin e Giachetti: il classe ‘97 mette a referto 5 punti, che uniti ai 5 di Pullazi riducono a 2 il distacco tra le squadre.

Forlì non si ferma più e riesce tra fine primo quarto e inizio secondo a passare in vantaggio di ben 5 punti con due canestri del capitano. Gli emiliani rimangono in partita grazie a Barnes e all’ex Ranuzzi che colpiscono dalla lunga distanza. Verso la fine del quarto le squadre si equivalgono, e ad esaltarsi sono soprattutto le difese che concedono solo tiri difficili agli avversari. Cento però è più precisa, e approfittando di qualche sanguinosa palla persa forlivese, va al riposo lungo in vantaggio sul punteggio di 36-40.

I primi minuti del terzo quarto vedono la Tramec mettere più intensità nel proprio gioco con l’Unieuro che va a sbattere su una solida difesa. Quando le cose vanno male di solito Giachetti entra e cambia la partita, non è diverso questa volta: a metà quarto il capitano subentra dalla panchina e Forlì registra un parziale di 8-0, complice la solidità ritrovata. I padroni di casa potrebbero prendere il largo, se non fosse per le troppe palle perse ingenuamente, e Cento ne approfitta per riportarsi a -1 con la schiacciata in contropiede di Moreno.

Comincia così l’ultimo quarto, con le due compagini che alzano le percentuali al tiro trovando il canestro regolarmente: per i romagnoli arrivano i canestri di Palumbo, Giachetti e Bolpin mentre Cento si affida a James ed al mortifero Ranuzzi dalla distanza. Alla lunga però gli emiliani non reggono il ritmo e a 2’ dalla fine l’Unieuro si porta sul +7 grazie a ottime giocate difensive e ad un Natali efficace anche dall’arco. Nei secondi finali i romagnoli rischiano grosso con gli avversari arrivati addirittura a -2. Non c’è più tempo però, Hayes controlla l’ultimo possesso consegnando a Forlì un’importante vittoria per 74-72. 

Michele Prati