Io sono Malala

0

Titolo: Io sono Malala. Genere: autobiografico. Autrice: Malala Yousafzai con Christina Lamb.

Trama – Il libro è la storia di una bambina, di origine pasthun, che ama moltissimo la sua valle: lo Swat in Pakistan. Figlia di una madre casalinga e un padre insegnante che fa di tutto per costruire scuole miste dove maschi e femmine possano avere la stessa possibilità d’istruzione; col suo esempio trasmette questi valori alla figlia. Riesce a fondare una scuola in cui maschi e femmine possono studiare in egual modo. In pieno disaccordo con la legge talebana che non ammetteva il diritto allo studio per le bambine che dovevano solo accudire la casa e famiglia.

Malala fin da subito si interessa all’istruzione femminile tanto che all’età, 8 anni, è chiamata a tenere conferenze sul tema. Proprio per questo motivo, a 12 anni subisce un attentato sul bus che la stava portando a scuola da parte dei talebani che la riduce in fin di vita. La notizia fa il giro del mondo e tutti i governi sono concordi nell’offrirle gli aiuti necessari, economici e sanitari. Dopo vari interventi chirurgici che ne cambiano anche la fisionomia, Malala però ne esce viva e sempre più decisa a lottare per il suo scopo. Lei, infatti, non vuole essere ricordata come la bambina a cui i talebani hanno sparato, ma come la bambina che ha lottato per il diritto all’istruzione di tutti i bambini del mondo.

Perchè ne consigliamo la lettura. Il libro stupisce per la forza immensa e la caparbietà che una bambina mette nel portare avanti quello in cui crede, fino a farlo diventare la ragione della sua vita, nonostante i rischi e le difficoltà.

Note sull’autrice – Malala Yousafzai è nata il 12 luglio 1997 in Pakistan. Vincitrice del premio Nobel per la pace nel 2014. Attivista pakistana nota per il suo impegno per l’affermazione dei diritti civili e il diritto all’istruzione. Sopravvissuta ad un tentativo d’omicidio da parte dei talebani.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoronavirus 2 gennaio: un decesso e 73 nuovi contagi nel Forlivese
Articolo successivoAllestito a Modigliana il gazebo per i tamponi in piazza Oberdan
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).