Frida Kahlo

0

Negli ultimi anni parlando di femminismo ci si è sempre più focalizzati sulla pittrice messicana Frida Kahlo, un’icona degli inizi del Novecento molto famosa nel mondo artistico, sia di una volta che contemporaneo. In ben pochi però sanno che Frida ha anche una disabilità fisica: è nata con la spina bifida (una malformazione del sistema nervoso centrale) e in seguito ha avuto un incidente col fratello, dopo cui non riuscì più a camminare e fu costretta a stare a letto. Di carattere forte, però, Frida non si fece abbattere dalla malattia, anzi: sfruttò il malessere e la sua situazione per dipingere alcuni dei suoi quadri migliori, il primo dei quali lo dedicò al ragazzo di cui era innamorata.

Molto emozionante, il film del 2002 che ci racconta la sa storia facendo riferimento anche al libro “Frida: A Biography of Frida Khalo”, nel quale si vede molto bene il cambiamento di vita della pittrice dopo che ebbe un incidente sul bus tornando a casa da scuola: da questo giorno infatti, Frida costretta a stare a letto, inizia a dipingere quadri meravigliosi, con cui aiuta anche a portare avanti l’economia della famiglia. Quando, piano piano piano riprese a camminare, va dal pittore Diego Rivera e gli mostra tutte le sue opere. Lui apprezzò molto l’arte della ragazza e la inserì nel mondo dell’arte e della politica.

Ciò che più colpisce guardando la pittrice e focalizzandosi sulla sua vita, è sicuramente il fatto che lei abbia provato a dipingere la sua disabilità, trasformandola in arte e rendendo le persone consapevoli del fatto che la disabilità non è necessariamente un ostacolo nella vita, ma un motore che spinge a vivere “normalmente” e senza limiti nonostante le proprie condizioni fisiche o mentali.

Questo si può notare guardando il suo quadro “La colonna spezzata” pubblicato nel 1944, in cui essa si ritrae nuda con il corpo pieno di chiodi e un busto che le tiene in asse la colonna vertebrale, come dice il titolo spezzata, ma si ritrae nonostante abbia il busto e fa della sua disabilità e delle sue imperfezioni un’arte.

In uno dei suoi testi, Frida scriveva “A sei anni ebbi la poliomielite. A partire da allora ricordo tutto molto chiaramente. Passai nove mesi a letto. Tutto cominciò con un dolore terribile alla gamba destra, dalla coscia in giù. Mi lavavano la “gambina” in una bacinella con acqua di noce e panni caldi. La “gambina” rimase molto magra. A sette anni portavo degli stivaletti. All’inizio pensai che le burle non mi avrebbero toccata, ma poi mi fecero male, e sempre più intensamente».
Un’incentivazione a tutti, per fare delle nostre caratteristiche, anche quelle che ci piacciono meno, un dono per noi e per gli altri!

Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Forlì sono 125 i contagiati per coronavirus, 4 in terapia intensiva
Articolo successivo“Le ragazze di via della Ripa”: lo sciopero a Forlì del 27-28 marzo 1944
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).