Halloween a “Nati per leggere”

0

Arriva la notte di Halloween, una festa americana e pagana ma che seppur lontana dal nostro vissuto ha talmente preso piede che anche “Nati per leggere” – il progetto che promuove la lettura in famiglia con i bambini dai 0 ai 6 anni – si è fatta coinvolgere organizzando laboratori e letture animate in questa settimana.

Così è arrivata l’occasione di proporre letture paurose lunedì 28 ottobre (alla biblioteca Natura Rerum del Foro Boario 9) per bambini dai 3 ai 4 anni, e luci mostruose per bambini dai 5 ai 10 anni (alla biblioteca Harris di viale Spazzoli 13/a) giovedì 31 ottobre alle ore 15,30.

Sono momenti ludici per i bambini di vivere Halloween in un modo diverso divertendosi insieme con laboratori educativi e ascoltando storie di streghe e fantasmi col sorriso. Ed è inoltre un’opportunità per gli adulti di avvicinarsi a questa festa con un’altra prospettiva e passare un momento con i propri figli.

Loretta

CONDIVIDI
Articolo precedenteVittoria dell'Unieuro con l'Urania impoverita da una prestazione non troppo brillante
Articolo successivoLa mostra "Io faccio facce" e l'incontro "Arte, scienza, innovazione"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).