Simona Atzori

Simona Atzori è una ragazza milanese nata il 18 giugno 1974, che fin dalla nascita è appassionata di pittura e danza classica, arti che svolge nonostante la mancanza degli arti superiori. Simona è laureata in “arti visuali” alla “University of Western Ontario”, in Canada, e molti dei suoi dipinti si trovano nei musei di tutto il mondo. È stata l’unica ballerina ad esibirsi all’interno di una chiesa, diventando così Ambasciatrice per la Danza del Grande Giubileo. Si è fatta conoscere in tutto il mondo, partecipando a diversi programmi televisivi e diventando testimonial di vari festival.
«L’handicap è un motore di cui non si conoscono i limiti» scrive Candido Cannavò giornalista ed ex direttore della Gazzetta dello Sport parlando di Simona Atzori nel libro “E li chiamavano disabili”. “La Libellula”, come la chiama lo scrittore si esibirà domenica 17 dicembre alle ore 21,00 al teatro “Masini” di Faenza nello spettacolo di danza e testimonianza “Chiamati alla gioia”.
Un grande evento organizzato dal Sinodo Diocesano della Pastorale Giovanile della Diocesi di Faenza-Modigliana, in cui verrà presentato anche il logo ufficiale del Sinodo. Sarà un’occasione importantissima per conoscere un’artista di fama internazionale e sorridere insieme ad una persona così saggia e coraggiosa, perchè, come lei stessa dice “un sorriso colto all’improvviso ma non per caso, è l’immagine che voglio dare di me alle persone che entrano in quello che ho chiamato ‘il mio mondo’. Questo è un sorriso d’amore, quell’amore che io provo per la mia vita e per le persone che la compongono, e per quelle che ne vorranno fare parte e quelle che vorranno condividere il dono che ricevuto dalla vita… il dono del sorriso…“.

Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteMinaccia un operaio nella E45 con pistola-giocattolo, autista denunciato
Articolo successivoLa commedia "L’apartament" e concerto aperitivo al San Domenico
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).