“Il Drago di Forlì” alla festa della don Pippo

0

All’Opera don Pippo di via Cerchia 101 a ForlìSpettacolo del Mangiafuocosabato 10 giugno, alle ore 22,30 ingresso gratuito (spettacolo adatto a tutti).
Mangiafuoco, sputafuoco, artista di strada… o più semplicemente Lele, “Il Drago di Forlì”, trasforma qualsiasi ambiente naturale o spazio urbano nel proprio palcoscenico e dà vita ad alla sua esibizione col fuoco in cui si alternano abilità, meraviglia, e divertimento emozionale difficile da dimenticare.
Attraverso un continuo tentativo di miglioramento tecnico e scenico, il “Drago di Forlì” ha perfezionato e creato nel corso degli anni diversi numeri: “cerchi di fuoco”, “fiamme sul corpo, torce spente con la bocca”, ma soprattutto impressionanti fiammate che escono dalla sua bocca in grado di illuminare la notte e di raggiungere oltre i 4 metri di lunghezza.
L’esibizione inizierà alle ore 22,30 nel giardino della Fondazione Opera don Pippo in via Cerchia 101, con ingresso gratuito, spettacolo adatto ai bambini. La serata di festa all’opera don Pippo inizierà dalle ore 16,30 e chiuderà con lo spettacolo del Mangiafuoco con inizio alle ore 22,30. Per informazioni 0543/61577, sito internet www.operadonpippo.it.

Marco Andreoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteUnieuro Forlì, nulla è perduto
Articolo successivoAiuto ai terremotati, protagonisti associazioni e privati di Castrocaro, Dovadola e Rocca
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).