Dopo questo titolo alla Lina Wertmuller, non potete che aspettarvi degli straordinari risultati culinari. In realtà quelli che vi propongo sono due panini con ingredienti dalla semplicità imbarazzante, dove la più esotica ed extra ordinaria componente la fa un avocado. Nulla di più. Ma garantisco che nasceranno dei sorrisi al primo morso…

Sandwich di pollo:
Per due persone.
Tipo di pane: pancarrè o similare.
Ingredienti: mezzo petto di pollo, metà avocado (morbido!), limone, ricotta, erba cipollina, sale e pepe.

Grigliate il mezzo petto di pollo, potete cuocerlo anche intero ma io l’ho tagliato a metà ed ho utilizzato una bistecchiera leggermente unta. Nel frattempo tagliate grossolanamente l’avocado, aggiungete il succo del limone, sale e pepe e frullate velocemente per preparare una purea. A parte mescolate la ricotta (quantità a vostra scelta, sarà una salsa da aggiungere secondo i gusti ed io ne ho usati circa 80 grammi) insieme a dell’erba cipollina tritata, poi salate e pepate anche questa.

Fate tostare 8 fette di pane, se volete potete aspettare che il pollo sia cotto ed utilizzare la bistecchiera ancora unta ed alternare le fette di pane per dargli una leggera tostatura croccante all’esterno. Tostate un paio di fette più a lungo per renderle molto croccanti, magari aggiungendo un po’ di olio anche aromatizzato (io ho usato quello al rosmarino), intanto togliete le altre 6. Prendete le due fette di pane super tostato e tagliatele a piccoli cubetti e salatele. Intanto avete tagliato il pollo in liste sottilissime, quasi sfaldandolo completamente, ed ora lo potete salare e pepare.

Ora che avete tutti gli ingredienti pronti, componete il sandwich a tre strati: potete scegliere se adagiare gli ingredienti a strati, ovvero in un lato spalmare la salsa di avocado e nell’altra quella di ricotta poi mettere al centro il pollo ben pressato e una manciata di pane croccante, oppure se mescolare tutto insieme. Io ho scelto la seconda via. Per la nota fresca servite con dei pomodorini tagliati…boni!

9887_10201445335281637_365783828_n

Hamburger senza sensi di colpa:

Per due persone.
Tipo di pane: pane per hamburger al sesamo.
Ingredienti: due svizzere magrissime, una zucchina, tre carote piccole, un cipollotto, parmigiano reggiano grattugiato, due fette di prosciutto crudo, philadelphia light, maionese light, sale e pepe.

Per prima cosa prepariamo dei piccoli rosti di verdure. Per chi non sa cosa sia il rosti…. vada a vedere su giallo zafferano! In questo caso le patate non c’entrano, e nemmeno il procedimento, ma l’idea di base sì. Tagliate molto finemente zucchina, carote e cipollotto, metteteli in una ciotola, aggiungete del parmigiano, poco olio, sale, pepe, e mescolate. Prendete una placca da forno, sulla carta create 8 dischi di verdure all’incirca grandi come i vostri hamburger. Grattugiatevi sopra dell’altro parmigiano che aiuterà a tenere il tutto legato, e infornate dieci minuti. Gli ultimi due minuti passate al grill.

Nel frattempo cuocete sulla bistecchiera o su una padella antiaderente gli hamburger insieme alle fette di crudo, a cui basterà un minuto di calore, il tempo di renderle croccanti. Condite gli hamburger, e appena cotti (lasciateli leggermente rosa al centro, così saranno più succosi e morbidi) passate sempre sulla bistecchiera le 4 fette di pane.

Ora che avete tutti gli ingredienti pronti passate alla composizione dei panini: per chi non è a dieta perenne, chettelodicoaffà aggiungete tutte le salse che vi pare, io mi sono limitata ad un velo di philadelphia ed uno si maionese light su ogni fetta. Poi sfornate i dischi di verdure e con una paletta staccate con cautela un disco dopo l’altro, mettendone due sotto e due sopra all’hamburger, aggiungete la fetta di prosciutto crudo croccante e chiudete il panino. E’ buonissimo… e non fa sentire neanche tanto in colpa!

942946_10201465515306125_708150485_n

983594_10201465514546106_1506961534_n

CONDIVIDI
Articolo precedenteOmaggio al Musical dell'Arte & Danza University
Articolo successivoProfessoressa filmata con l'amante: arrestato l'allievo e la sua banda
Dopo il diploma al Liceo Classico di Forlì, si laurea in architettura. Appassionata di interior design e di stile in genere, scopre la sua vera strada nella moda. Con la sua linea di abbigliamento artigianale By Alis ha fatto di un hobby il suo lavoro. Se affrontate con lei argomenti di politica e informatica il consiglio è quello di mettersi un casco e adottare tutte le protezioni. Alis è battagliera, determinata e puntigliosa. Insomma non è il tipo che ama fare prigionieri. In 4live cura la rubrica di cucina.