The-father-nulla-e-come-sembra

Titolo del film: The father, nulla è come sembra. Genere: drammatico. Regista: Florian Zeller. Cast: Anthony Hopkins, Olivia Colman, Imogen Poots, Rufus Sewell, Olivia Williams.

Il film è ambientato a Londra e narra la vicenda di una persona anziana di nome Anthony e per la prima volta il regista vuole far capire allo spettatore quello che prova e vive dall’interno una persona che soffre di demenza senile. Si vede molto bene la fatica nell’accettare l’esistenza e il progredire della malattia da parte dei famigliari soprattutto. L’anziano protagonista infatti rifiuta ogni tipo di aiuto esterno che la figlia gli trova per assisterlo e per darle il cambio quando lei esce di casa.

Con il passare del tempo però la situazione peggiora portando maggiore squilibrio alla famiglia della figlia, che alla fine pensa di mettere il padre in una struttura dove si occuperanno di lui così che lei possa riprendere la sua vita di coppia in maniera più tranquilla.

Anthony, a causa della malattia, non si rende conto di ciò che ha bisogno, e fa sabotaggi con tutte le badanti. Inoltre non riconosce nessun merito alla figlia Anne, anzi dice cose positive solo sulla sorella morta in un incidente, di cui non ne ricorda l’accaduto.
Il finale non lo sveliamo perchè è un film bellissimo che dovete assolutamente vedere!
Il regista è stato molto bravo a trattare un tema così delicato come quello della demenza, in maniera realistica e originale, mostrando l’anziano nella sua fragilità e con un bisogno disperato di punti di riferimento. Non a caso ha vinto due Premi Oscar come miglior film.

Loretta, Giovanna, Daniela

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Forlì non va oltre il pareggio con la Bagnolese e dice addio ai playoff
Articolo successivoLa giornata mondiale del rifugiato
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).