Amour-vecchiaia

Titolo: Amour con Isabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, William Shimell, Emmanuelle Riva, Rita Blanco. Anno: 2012. Regista: Michael Haneke. Genere: Drammatico. Durata: 127 minuti.

Trama – Amour è la storia di due anziani di nome Anne e George, che improvvisamente hanno a che fare con una malattia grave e irreversibile: un attacco di ictus che colpisce la donna. Tutto si snoda intorno al tema della vecchiaia e della forza che, nonostante tutto, l’uomo tira fuori nella gestione della moglie, pur di non farla andare in un ricovero. Assistendola in tutto e per tutto senza dimenticare di farla sentire amata con le parole e attraverso i gesti, fino a compiere quello che viene chiamato gesto estremo; l’eutanasia, su richiesta della donna. È un film bellissimo e dolcissimo, ma anche crudo per certi versi; un film che ci ha suscitato un poco di invidia verso un amore così totale.
Diretto da un regista capace di affrontare un tema così delicato come una malattia dura e pesante, in maniera amorevole e profonda, che ti coinvolge completamente.

Ne consigliamo la visione a tutti quelli che vogliono vedere come, spinti dall’amore verso l’altro, la malattia può essere sconfitta, così come la paura di non riuscire a “farcela”.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa giornata internazionale dell'educazione
Articolo successivoAnnullata la Segavecchia 2021
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).