Billie-Ellish

Billie Eilish, diciottenne di origini irlandesi e scozzesi, è una cantautrice con sindrome di Tourette che si è aggiudicata cinque Grammy Awards. Ispirata dal fratello, scrive già dall’età di 11 anni e a soli 14 anni pubblica il suo primo singolo. Nel 2017 viene annunciato il suo primo tour, che si è svolto in Europa e in Nord America. Billie compone i brani insieme al fratello che la aiuta a scegliere il linguaggio e i termini più adatti al suo stile e al timbro di voce. Durante la sua carriera, si è ispirata a vari artisti, ma il suo punto di riferimento più importante sul piano artistico è la cantante canadese Avril Lavigne.

La sua vita non è stata tra le più semplici: “bullizzata” per colpa delle sue facce strane. Nel 2018 dopo la diffusione sul web di alcuni video in cui manifestava tic nervosi, su Instagram dichiara di avere la sindrome di Tourette. Una sindrome caratterizzata da movimenti involontari e produzione di svariati suoni, sulle cui cause non si sa ancora molto.

C’è una componente genetica che predispone alla sindrome, che viene considerata più neurologica che psichiatrica. Oltre a questo non sappiamo ancora con precisione cosa la scateni, ma sappiamo che si tratta di un disturbo neurologico caratterizzato dalla presenza di tic di movimento e di linguaggio, talvolta fugaci e altre volte cronici, la cui gravità può variare da estremamente lievi a invalidante, caratterizzata anche da autolesionismo.
Anche lei, dopo Greta Thumberg, ha dovuto giustificarsi perché “strana”, ma oggi, nel 2020, cosa si intende per normalità e perché ciò che è definito “non normale” fa così tanta paura?

Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteMarino Bartoletti presenta il suo libro "La squadra dei sogni. Il cuore sul prato"
Articolo successivoAbbandono rifiuti. Marchi: «Sì al potenziamento dei controlli ma i cittadini collaborino per tenere pulita Forlì»
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).