MontalEat

0

Trattoria Pizzeria MontalEat
Indirizzo: via Bollana 67/71 a Montaletto di Cervia (RA)
Recapiti tel. 0544 96 5694
Giorno di chiusura: Tutto il lunedì ed il martedì sera.
Orario di esercizio: pranzo/cena.
Si può prenotare e accettano tutte le Carte di Credito.
Come arrivare/itinerario consigliato: Statale 71 Bis, lo trovi a Montaletto di Cervia.
Consigli sul parcheggio: Antistante.
Il locale è climatizzato.

Sono di passaggio sulla statale 71 Bis, bella strada che da Cesena porta a Cervia, la chiamano Cervese, appellativo identico alla nostra statale forlivese. Avrò percorso “milioni” di volte questa statale, trovi uno slargo con parcheggio antistante, di fronte c’è un bar; era un bar e scoprirò essere anche trattoria: mangiando arrivano le buone sorprese! La fame lavora sul cervello dicendo che è ora di fermarsi, evito la vicina riviera zeppa di locali d’ogni genere. Parcheggio è antistante e attraverso la trafficata arteria: sul fronte del locale cartelli del tipo “qua si mangia”, un marketing fai-da-te che sulla mia cultura dei Risto mi prende poco. Sono le 12,45 la Trattoria Pizzeria “MontalEat” in Montaletto di Cervia, dopo il mio desio sarà recensita: l’avresti mai detto? Il nome del locale è un romagnol-inglese che mi insospettisce ma è gente seria: Peppo e sua moglie con la figlia Esmeralda gestiscono il locale che è attivo da circa tre anni; non lo conoscevo. In sala diversi commensali che passo ai raggi X: sono i viandanti della strada,” routiers” come li chiamano in Francia, non solo camionisti. 

Tavola spartana ma pulita con tovaglietta di carta alla francese, posate (nuove e ben pulite) avvolte nel tovagliolo di carta, quello che userai, più economico non ce n’era ma è un posto PL, il mio idioma come Pranzo Lavoro collaudato 40 anni fa per noi commerciali, squattrinati ma golosi.
Arriva una signorina cameriera che scoprirò essere anche la figlia e titolare, gentilissima: si chiama Esmeralda Dominguez, gli scucio dalla bocca info, sua madre è messicana e il suo babbo, il mitico “Peppo” è un romagnolo doc. Tutti si adoperano in cucina, conduzione familiare una prerogativa della molla recensiva. Esmeralda, gentile, affabile, elenca il menù non c’è il cartaceo in tavola di cosa bolle in cucina. Poche pietanze un bel segno, vuol dire che sarà tutto fatto al momento o quasi. Diffida sempre dei menù stratosferici e troppo articolati.

Ordino una Tagliatella al ragù. Penso ai vari guru in materia: un maestro bolognese, la mitica Gigina il cui guru che lassù mi guarda sconsolato; si stupirà. Devi essere pronto alle sorprese! Arriva la tagliatella: bella abbondante, ricca di ragù classico maiale/manzo. In assaggio l’apoteosi: è perfetta come deve essere: sfoglia dura che fa rima con cotta ma al dente, sfoglia ruvida ben fatta col matterello, spessore giusto non carta-velina, bella larga, colore giallo, ottime uova usate.
Se dovessi dare il mio voto sarei sul 9-9,5, un voto azzardato, altissimo visto il posticino in essere ma bisogna sorprendersi. Promossa a pieni voti. Il ragù va bene ma se darò un 9,5 alla Taglia, al ragù assegnerò un 7-8. La “Forma” (il parmigiano o grana in gergo romagnolo) desta sospetti, non è al top come la Taglia e si becca un voto 6,5, promosso per un pelo, via. Si migliorerà in futuro.
A seguire un’altra pazzia di assaggio: Stufato di Fagioli e Salsiccia; lassù adesso c’è Bud Spencer che si spancia dal ridere, lo sa e si vede che i Fagioli mi sono sempre piaciuti ma questo stufato è divino: quindi gli do il massimo dei voti, 10 e pure la Lode! Il resto è poesia. Buon pranzo.

Dimensione del locale: due sale, medio numero di coperti.
Arredamento, tavola; servizi igienici: arredo da tipico da PL, da Pranzo Lavoro, tutto in ordine e pulito, come altrettanto dicasi per i bagni.

In cucina Peppo e famiglia più aiutanti del caso.
Direzione/Chef: “Peppo”.
Target del locale $$$: Medio/Basso.
PL, Pranzo Lavoro, un target basso!

Descrizione Menù.
– Antipasti: classici romagnoli, affettato e formaggio!
– Primi piatti: Tagliatelle (voto altissimo!); gnocchi; strozzapreti; ravioli: condimento: ragù, pasticciati, funghi. Spaghetti alle vongole, allo “scoglio”.
– Secondi piatti: molte proposte di terra ma anche coraggiose proposte di mare: Siamo in Romagna, qui verte la ciccia! Carne e grigliate d’ogni genere e il famoso Castrato; Pesce a richiesta, sul menù c’erano dei Gamberoni (congelati ma di qualità) con verdure; un mitico stufano di fagioli con salsiccia, buonissimi i fagioli (voto: 10 e lode!): mi han fatto venire in mente la mitica L’Osteriaza di Cusercoli; bene la salsiccia.
– Contorni: di stagione.

– Pizze. Non abbiamo potuto assaggiarla ma i nostri segnalatori la fanno buona. Peppo prepara l’impasto personalmente e lievita tre giorni: è davvero molto ed è dovuto alla piccolissima dose di lievito da lui utilizzata la quale deve lavorare a lungo per lievitare al top; ci proponiamo di assaggiarla personalmente ma stiamo coi nostri segnalatori, col loro sommo giudizio che vi giriamo.
– Nel Cestino: pane comune, a volte la “Piada” la sacra piadina romagnola, fatta al momento, ottima!
– I dolci: pochi, romagnoli, tutti fatti in casa: Zuppa inglese; ciambella romagnola; Crostata, anche Crema Catalana.
– Caffè/Invecchiati ed “Infiammabili”: nella norma.

– La Cantina: Vino della Casa, voto 7. Piccola scelta di vini;
– Oli in tavola, aceto, le spezie: standard per il tipo di locale.

Piatti consigliati: Tagliatelle!

Verdetto finale:
Location (il posto sull’esterno): 7
Ambiente del locale: 7,5
Servizio: 8
Voto globale/media Menù: 7-8 (tagliatelle: 9,5)
Il voto del Conto: come menù/pranzo PL: 10
Fa il Pranzo Lavoro? Certamente si.

“Sulla Porta”: il locale vanta le Targhe, “Placche”, di queste Guide:
– 4live.it
– “Via Emilia Ristoranti” www.viaemiliaristoranti.it
Puoi provare anche questi Ristoranti”: (recensiti/in arrivo):
– A Cesenatico: Ristorante al Cenacolo, recensito (mitico: Molfettini alla seppia).
In definitiva: Immancabile a pranzo!

CONDIVIDI
Articolo precedenteIBD Care Experience, all'ospedale di Forlì
Articolo successivoScoprire Villa Gesuita
Sono un 63enne con 41 anni di attività professionale sulle spalle. Per divertimento mi avvicinai alla cucina, poi un magnete mi attirò verso la passione sui Ristoranti. Il caso volle che divenni un segnalatore per la guida di Veronelli, "I Ristoranti di Veronelli". La mia vita professionale mi ha portato a girare Italia e Francia. Sono un curioso che ha sete di notizie. Riservato ed anonimo, sempre!