invalidi invalido sedia rotelle

Nell’Italia in cui ogni giorno i disabili insieme alle famiglie e alle associazioni che si occupano di disabilità lottano e lavorano per avere riconosciuti i propri diritti, accade che il Governo partorisce il decreto Milleproroghe, inserendo una disposizione che rinvia al 2018 l’entrata in vigore delle nuove norme per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità. Di quali norme stiamo parlando? Facciamo un passo indietro per comprendere la situazione. Nel decreto 151/2015, attuativo del Jobs Act, erano finalmente state inserite nuove norme per il collocamento mirato delle persone con disabilità: dal primo gennaio 2017 anche i datori di lavoro privati che hanno un numero di dipendenti compreso tra 15 e 35, hanno l’obbligo di assumere, anche se non si prevedono nuove assunzioni, un lavoratore disabile. L’obbligo di assunzione, dal primo gennaio 2017, vale anche per i partiti politici, le organizzazioni sindacali e le organizzazioni che, senza scopo di lucro, operano nel campo della solidarietà sociale, dell’assistenza e della riabilitazione (anche in assenza di nuove assunzioni). Adesso il decreto Milleproroghe (approvato al Senato e ora passato all’esame della Camera) rinvia al 2018 l’entrata in vigore delle nuove norme. Il messaggio che un Paese civile dovrebbe dare è che possono lavorare tutti, anche i disabili. Un Paese civile dimostra di esserlo facendo lavorare tutti. Escludere dal lavoro le persone con disabilità è sbagliato. Questo ci riguarda tutti, perché tutti possiamo ritrovarci da un giorno all’altro con una disabilità. Ho 32 anni. Dieci anni fa mi sono ammalato di colite ulcerosa (malattia infiammatoria cronica intestinale) e nel giro di un mese sono stato operato all’intestino e mi sono ritrovato con una disabilità fisica (una stomia). All’inizio mi sono sentito disabile, poi sono rinato piano piano e non mi sono più sentito disabile. Poi due anni fa mi sono iscritto nelle categorie protette per cercare un lavoro. Dopo due anni, oggi mi sento un po’ di nuovo disabile, perché lo Stato mi ci fa sentire. Un Paese è civile quando abbatte ogni barriera e fa lavorare tutti. Tutti possono lavorare e tutti devono avere possibilità di lavorare. Un dato su cui riflettere: una sola persona con disabilità su cinque oggi lavora.

Rodolfo Ridolfi

CONDIVIDI
Articolo precedenteHappy Family Expo, V edizione
Articolo successivoSold out per Vittorio Sgarbi al Teatro Mentore
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).