vigili del fuoco

Un tuffo fatale che è costato la vita a Thomas Liverani di soli 17 anni. La tragedia si è consumata nel pomeriggio di domenica a Civorio nel torrente Borello nel punto in cui, dopo la cascata (chiamata proprio la cascata di Civorio), si forma uno specchio d’acqua. Teoricamente balneabile, ma sempre pericoloso tuffarsi da quell’altezza. Il ragazzo, residente a Cesena e giunto sul luogo in compagnia, si è tuffato verso le 15,30 ma non è più riemerso. Gli amici, ovviamente subito allarmati, hanno immediatamente chiamato i soccorsi. E’ stato necessario però l’intervento dei sommozzatori dei vigili del fuoco di Forlì per ritrovare il corpo del giovane poco più a valle. Morto. Secondo l’ipotesi più probabile nel fare il tuffo a più di 12 metri di altezza potrebbe aver sbattuto la testa contro una roccia oppure potrebbe essere annegato successivamente all’entrata in acqua. Solo l’autopsia potrà chiarire la causa del decesso. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 con l’elimedica, i carabinieri di Civitella, il soccorso alpino e i vigili del fuoco con i sommozzatori.