Modelli PowerPoint: la chiave per il successo

0
Letture: 306

La prima impressione è quella che conta, quella che lascia il segno nella mente del nostro interlocutore. Che si tratti della presentazione di un progetto, di slides esplicative, di una tesi di laurea, avere davanti delle presentazioni che riescano a catturare l’interesse di chi legge è il primo passo per mantenere la sua attenzione, per coinvolgerlo nel successivo svilupparsi della discussione.

discussione

E’ fondamentale quindi scegliere un modello di Powerpoint che sia adatto al tema trattato nella presentazione e al destinatario della stessa. Più vasta è la scelta disponibile e maggiori sono le possibilità di realizzare un lavoro perfetto. Una volta selezionato lo sfondo di proprio interesse, è possibile aprirlo per visualizzare tutte le singole slides, in modo da rendersi conto di come sono strutturate, dalla prima all’ultima. Nello schema diapositiva si vede subito qual è il “leitmotiv”, poi nei successivi layout si può visualizzare in maniera più specifica l’intera presentazione: colori, elementi grafici e numero di pagine, così da poter adattare i propri contenuti agli schemi già predisposti.

Per ogni tema la presentazione PowerPoint più adatta

Tra i modelli pensati per una presentazione in un contesto aziendale possiamo trovare delle opzioni tarate su argomenti specifici, che si focalizzano su singoli temi relativi all’impresa. “Ingredienti gestione del progetto” è uno dei modelli PowerPoint in poweredtemplate.com correlata al Project management ad esempio: già nello schema diapositiva vengono riportate alcune delle parole chiave in materia, come process, control, development, controlling, costs, etc. Per dare un maggiore impatto visivo sul pubblico, ogni parola viene incastonata con le altre come in un’intersezione; le scritte sono in tre colori diversi (grigio chiaro, grigio scuro e rosso) con dimensioni dei font differenti: in questo modo si riesce a dare vivacità ad un contesto di base professionale e tecnico.

lavagna

 

Nella prima slide, in basso, si può inserire a sinistra il nome del progetto o della presentazione, a destra il nome della compagnia o dell’autore. Le successive slides riprendono ovviamente lo stesso stile (anche cromatico) della prima e mirano ad un’esposizione chiara e sintetica dei contenuti, organizzati per concetti. Man mano che si procede nello scorrere la presentazione, aumenta il livello di interazione dei vari argomenti e si arricchiscono gli elementi grafici, dando modo di inserire dati, statistiche, tabelle e confronti. Stessa struttura efficace e funzionale viene proposta per altri temi fondamentali in ambito aziendale, come il modello “obiettivi e traguardi word cloud” : in primo piano, nello schema diapositiva, viene subito all’attenzione del pubblico la parola chiave “targets”, che non lascia dubbi su quello che sarà l’argomento fondamentale del lavoro proposto. Anche un settore cruciale in ambito commerciale come quello del marketing ha il suo specifico template: “mercato della nube di parole di ricerca”, con parole strategiche ben evidenti in primo piano.

Qualunque sia l’argomento della presentazione, c’è solo l’imbarazzo della scelta!