bologna

La primavera dello scorso anno è stata contraddistinta da una paralisi nel settore degli appalti in tutta Italia, provincia di Bologna inclusa, causata dalla necessità per le stazioni appaltanti di modificare le procedure dopo l’entrata in vigore del nuovo Codice. Oggi i meccanismi sono più oliati e il livello sia quantitativo che qualitativo delle gare bandite è in forte ripresa, come rivela il database di Appaltitalia: ecco allora alcuni dei principali appalti nel bolognese, con indicazioni utili agli operatori interessati.

Il bando dell’Usl. Il primo atto cui dedichiamo attenzione è stato pubblicato dalla Azienda Usl di Bologna: si tratta, in dettaglio, della procedura aperta per la conclusione di un accordo quadro con unico operatore economico, per lavori da eseguirsi su immobili in uso a qualsiasi titolo stessa. L’importo massimo stimato dell’accordo quadro è di 4 milioni di euro, e il contratto avrà durata quadriennale. L’appalto sarà aggiudicato ricorrendo al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa tra quelle inviate entro il 15 maggio.

Lavori sul fiume. Ha invece come oggetto il servizio di progettazione definitiva ed esecutiva dell’intervento di consolidamento, riqualificazione e adeguamento del ponte stradale sul fiume Reno denominato Pontelungo il bando preparato dal Comune di Bologna e indetto nuovamente a seguito di precedente procedura andata deserta. L’importo è di 281.275,37 euro, soggetto a ribasso come specificato nei documenti emessi dall’ente, e i termini scadono il 4 maggio.

Manutenzione degli impianti. È diviso in tre lotti l’importante bando avviato da Hera spa, multiutility che opera nei servizi ambientali, idrici ed energetici: la procedura è indirizzata a ricercare una collaborazione nel servizio di conduzione e manutenzione ordinaria degli impianti fognari e depurativi nel territorio bolognese di competenza. L’importo complessivo per i tre lotti è di 1.249.973,62 euro e per presentare la propria offerta c’è tempo fino al 26 aprile.

La tesoreria all’Asp. In tema servizi, invece, va segnalato il bando pubblicato dalla Azienda pubblici servizi alla persona città di Bologna per l’affidamento del servizio di tesoreria; si tratta di un lotto unico dal valore di 225 mila euro, di durata pari a 60 mesi e da assegnare con il ricorso all’offerta economicamente più vantaggiosa. I termini per la presentazione delle offerte scadono il 20 aprile.

Ristorazione e pasti. La stessa Asp Città di Bologna intende poi affidare la ristorazione all’interno delle proprie strutture, e in particolare la fornitura dei pasti; il contratto ha una durata triennale, con possibilità di proroga o rinnovo previsto dal disciplinare di gara. L’entità dell’appalto è stimata in 5.093.912,19 euro e nei documenti è specificato che possono partecipare imprese che possiedono requisiti di ordine generale, di idoneità professionale, capacità economica e finanziaria, capacità tecnica e professionale. La scadenza dei termini è stata prorogata al 19 aprile.

Servizi ristorativi alla Scuderia. Simile l’ambito di intervento previsto nella gara indetta dalla ER.GO, Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori, che intende affidare il servizio ristorativo rivolto a studenti universitari presso i locali de “La Scuderia” in Piazza Verdi 2, a Bologna, per la durata di sette anni (con possibilità di un solo rinnovo per altri 24 mesi). Il contratto sarà affidato attraverso il ricorso al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa tra quelle giunte entro il prossimo 23 maggio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIgor
Articolo successivoLeishmaniosi nel bolognese, è il caso di preoccuparsi?
Classe '88, studioso di Comunicazione e dinamiche del Web anche dopo aver conseguito il “pezzo di carta”, seguo un percorso formativo ibrido che mi consente di acquisire nozioni umanistiche e competenze tecnico-informatiche. Nell’anno 2009 vengo rapito dal mondo dell’ottimizzazione per i motori di ricerca e più in generale da tutto quello che riguarda Marketing e Advertising sul web. Passo più o meno 14 ore al giorno davanti un dispositivo multimediale per lavoro, studio e aggiornamento, ancora lavoro.