L’associazione culturale Compagnia Bella, in collaborazione con Onda Film annuncia l’uscita del film “Potevo farmi santo“, un emozionante racconto sulla vita di monsignor Giuseppe Prati, il famoso Don Pippo. La pellicola, diretta dal giovane regista forlivese Romeo Pizzol, farà il suo debutto in anteprima al cinema Multisala Astoria di Forlì il 21 giugno alle ore 21,00.

“Potevo farmi santo” sono state le ultime parole di un uomo che ha fatto della sua vita una missione al servizio della comunità, al di fuori di ogni cerchia politica o religiosa. Il film offre uno sguardo sulla sua vita, assumendo i molteplici punti di vista tramandati dai suoi stessi concittadini. A costruire la storia non sono le azioni di don Pippo, ma gli effetti che queste hanno avuto sulle persone che ha incontrato. Sono loro a restituire, in forma di racconto, l’eredità ricevuta da don Pippo.

La regia di Romeo Pizzol lascia spazio ai racconti, alle parole, ai pensieri, costruendo una narrazione corale nella quale chiunque può trovare ciò che lo rispecchia. Al centro non c’è la figura di don Pippo, ma la città stessa che lui ha contribuito a costruire. Una città ben presente, che vive e ricorda la propria storia. Compagnia Bella, in collaborazione con Onda Film, ha prodotto “Potevo farmi santo” con l’obiettivo di testimoniare una storia in grado di fare la differenza nella società di oggi, nella quale i valori di condivisione, rispetto, inclusività sembrano messi in secondo piano rispetto agli egoismi personali.

L’esempio di don Pippo mostra quali valori sono fondamentali per la costruzione di una comunità integra, viva e solida, al di là di ogni differenza. L’uscita di “Potevo farmi santo” al cinema Multisala Astoria di Forlì rappresenta un momento di grande importanza per la comunità locale. È un’opportunità unica per gli spettatori di comprendere la storia della propria città e di scoprire la figura dell’uomo che l’ha cambiata. Per prenotare un posto alla proiezione di “Potevo farmi santo” il 21 giugno alle ore 21,00 al cinema Multisala Astoria, è necessario inviare una mail a potevofarmisanto@gmail.com entro martedì 20 giugno. I posti sono limitati e saranno assegnati in base all’ordine di arrivo delle prenotazioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa moda tra comunicazione e relazioni sociali
Articolo successivoLegacoop attiva fondo di solidarietà per soci e lavoratori danneggiati dall'alluvione
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO