La calza col carbone (vero)

0

Chi ha ricevuto carbone vero il giorno della Befana, alzi la mano. I genitori di una volta, lo mettevano senza tanti complimenti nella calza. Poi aggiungevano frutta secca, cioccolata, i datteri coloniali con la ballerina di colore stilizzata nella forchettina di plastica. Memoria tardiva e politicamente “scorretta” (ma al tempo nessuno ci pensava) dell’Impero, Anno Domini 1936. E offrivano doppia razione agli animali di casa, perché parlassero bene dei loro padroni.

Come probabilmente avrebbero fatto anche gli antichi romani, nei loro riti pagani. Un mondo ancestrale riemergeva la notte del 5 gennaio. Noi bambini e bambine in calzoni corti e in gonna eravamo ammaliati, sgomenti, un po’ spaventati. Era come entrare in un corso pratico di Antropologia culturale. Ma non lo sapevamo. Per noi era solo l’imperdibile notte della Befana.

Roberto Balzani

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa mappa degli autovelox fino a venerdì 13 gennaio
Articolo successivo"Al cev, una vasca e Parigi" al Teatro Il Piccolo
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO