Unieuro Forlì – Tramec Cento: 63-62

Unieuro Forlì: Raivio 25 (4/7, 3/5), Adrian 9 (4/9, 0/2), Valentini 8 (2/6, 0/4), Benvenuti 7 (3/5), Gazzotti 5 (2/3, 0/1), Pollone 5 (2/4, 0/3), Cinciarini 4 (1/2, 0/2), Penna (0/1 da tre), Ndour n.e, Flan n.e, Borciu n.e. All.: Martino.
Tiri da due: 18/36 (50%). Tiri da tre: 3/18 (17%). Tiri liberi: 18/26 (69%). Rimbalzi: 37 (29+8). Assist: 9.
Tramec Cento: Marks 17 (5/7, 2/5), Archie 12 (1/4, 3/6), Toscano 11 (3/3, 1/4), Zampini 9 (2/7, 1/4), Berti 4 (2/3), Tomassini 4 (2/6, 0/3), Moreno 3 (1/3), Ulaneo 2 (0/1), Kuuba n.e., Baldinotti n.e. All.: Mecacci.
Tiri da due: 16/34 (47%). Tiri da tre: 7/22 (32%). Tiri liberi: 9/16 (56%). Rimbalzi: 36 (29+7). Assist: 10.
Parziali: 12-14, 17-16, 17-18, 17-14.
Arbitri: Ursi, Yang Yao, Tarascio.
Spettatori: 2512.

Vittoria incredibile per l’Unieuro, che fa suo il derby con Cento all’ultimo secondo, dopo una partita a dir poco sofferta. Nonostante alcuni limiti mentali che si erano già visti la scorsa gara, e un Cinciarini in meno per metà partita causa doppio tecnico, gli uomini di coach Martino buttano il cuore oltre l’ostacolo e fermano una squadra lanciatissima come gli emiliani e interrompono la striscia di tre sconfitte consecutive. Sugli scudi Raivio (30 di valutazione), vera ancora di salvezza, ma anche Adrian, che salva la prestazione regalando la vittoria ai suoi.

Parte in quarta Forlì, che mette a segno 6 punti nel corso del primo minuto. Gli ospiti si sbloccano invece dalla lunetta, prima con Zampini, poi con Ulaneo. Piano piano la gara si trasforma: tiri sbagliati ed errori creano un certo nervosismo tra i giocatori di Martino, sfociando nel perdere ingenuamente numerosi palloni raggiungendo il culmine con l’antisportivo fischiato a Cinciarini. Nonostante questo, la Baltur si avvicina ma non aggancia, evidente segno della tensione palpabile del match. Forlì ritorna a segnare dopo ben cinque minuti, con Benvenuti. Il finale di quarto però è tutto emiliano, perché dopo aver trovato il pari con Archie, ci pensa Marks a fissare il +2 ospite sul gong.

Nel periodo nero a livello mentale, a trascinare Forlì ci pensa il sangue freddo di Benvenuti, con cinque punti. Cento invece trova punti dalle mani di Toscano e Berti. C’è spazio per un fallo tecnico ai danni di Zampini, prima di un accenno di fuga degli ospiti, portatisi avanti di 6. Raivio diventa quindi il faro offensivo dei suoi, contribuendo al raggiungimento della parità quando mancano pochi secondi all’intervallo. Situazione che incredibilmente varia nell’ultima azione, che rischia soprattutto di condizionare pesantemente la gara dell’Unieuro: Cinciarini cade dopo un sospetto contatto su tiro e l’arbitro opta per fischiargli il secondo tecnico, sancendo così la fine della sua gara. Moreno segna dunque il libero del +1 ospite a metà gara.

La reazione d’orgoglio dei padroni di casa passa dalle pani di Raivio e Valentini che rispondono colpo su colpo ai canestri di Toscano e Archie. Una costante che ha penalizzato Forlì nell’ultima gara si ripresenta anche stasera: infatti, le percentuali dall’arco si rivelano bassissime, perdendo così uno dei principali punti di forza. Le squadre si sorpassano e controsorpassano, finché Marks segna da solo un parziale di 6-0 per gli ospiti. Adrian si sblocca e trova i suoi primi tre punti verso la fine del quarto, che si chiude poi sul -2 Unieuro.

Una bellissima tripla di un caldissimo Marks apre l’ultima frazione. Forlì si riavvicina con Raivio ma è proprio quando sembra che l’inerzia fosse verso i padroni di casa, ecco che Cento fissa un mini parziale che le vale il +8 a cinque minuti dalla fine. Da qui in poi l’Unieuro rosicchia costantemente punti fino a raggiungere il -1 a quaranta secondi dalla fine. Una strepitosa difesa costringe gli avversari all’infrazione di ventiquattro secondi l’azione successiva regalandosi l’ultimo, decisivo, possesso. Passati quasi tutti i secondi, in un’azione costruita male, Pollone penetra e fallisce l’appoggio al tabellone, ma quando ormai la vittoria sembrava sfumata definitivamente, ecco che la manona di Adrian accarezza il pallone, che finisce dentro e sancisce il +1 (nella foto di Massimo Nazario) Forlì ed una vittoria davvero sofferta ma bellissima col punteggio di 63-62.

Michele Prati