erasmus liceo classico

Dal 26 settembre 2001 su iniziativa del Consiglio d’Europa di Strasburgo, gli stati membri celebrano la “Giornata europea delle lingue”, con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio linguistico degli stati e invitare i cittadini a conoscere e familiarizzare con le stesse.
Quest’anno il Liceo Classico G.B. Morgagni di Forlì celebra questa giornata in modo speciale, ospitando gli studenti delle scuole Bischőfliches Pius-Gymnasium, istituto superiore privato cattolico di Aquisgrana, e Lycée Dumont d’Urville, liceo classico e linguistico statale di Tolone, all’interno della settimana Erasmus. I partner sono stati accolti dal team Erasmus, insieme al dirigente Marco Lega, che nelle mattinate di sabato 24 e di lunedì 26 settembre ha accolto i rispettivi gruppi per un saluto di rito.

È emozionante vedere come i nostri studenti riescano a comunicare con i propri compagni europei e con quanto entusiasmo abbiano aderito a questa iniziativa – sottolineano le professoresse del team Erasmus Giulia Bragaglia, Silvia Giardini, Jenny Laghi e Rita Saltelli – ed è bello per noi accogliere docenti stranieri e mostrare loro come la nostra scuola sappia conciliare gli studi umanistici con quelli scientifici. In particolare, ringraziamo i nostri colleghi che si sono offerti di tenere lezioni in lingua o visite guidate per i partner, mettendosi in gioco in prima persona. Gli insegnanti accompagnatori stanno infatti svolgendo presso il nostro Liceo attività di job shadowing e lo stesso faremo noi quando andremo a Tolone e Aquisgrana la prossima primavera”.

L’interclasse di alunni – composta da studenti del Liceo Morgagni selezionati fra tutti gli indirizzi dell’istituto e dai loro partner tedeschi e francesi – è impegnata per tutta la settimana in laboratori pratici e teorici che vertono sui temi chiave del progetto: sviluppo sostenibile, rispetto delle risorse non rinnovabili, turismo slow. Nello specifico Barbara Abbondanza del Dipartimento di Scienze Umane ha sviluppato un progetto sull’origine della piadina e sul suo valore antropologico: i ragazzi si sono cimentati con lei, insieme ad alcuni genitori, in una lezione di “piadina” dove tutti con mattarello alla mano hanno potuto impararne i segreti, presso la sede forlivese di Techné, che si è offerta di accogliere l’iniziativa.

Con Davide Tassinari, invece, si è parlato di fermentazione e conservazione dei cibi e si passerà anche ad una fase di sperimentazione ed assaggio. Infine, con Laura Milanesi e Mariasole Maglia si parlerà di risorsa idrica e dieta mediterranea e i ragazzi si sfideranno in cucina a suon di ricette sane ed equilibrate. “Ieri – sottolineano di nuovo le docenti organizzatrici – siamo stati a Ridracoli dove abbiamo visitato la diga e Idro Museo e ai ragazzi è stato proposto un laboratorio molto stimolante sull’analisi dei microrganismi nelle acque del fiume Bidente. Visiteremo, sempre seguendo il leit motiv dell’acqua, anche le saline di Cervia e faremo anche qualche tappa artistico-culturale a Forlì, Cesena e Ravenna”.

La settimana si concluderà con un concerto musicale del gruppo “Trì” all’associazione “Inzir” . Un farewell party nel quale i ragazzi si saluteranno, ma per noi tutti sarà solo un arrivederci. “La lingua veicolare delle attività è l’inglese, ma è bellissimo vedere come anche altre lingue siano messe in gioco – precisano le insegnanti – il nostro dirigente ha utilizzato il francese, i ragazzi fra di loro comunicano in inglese, francese e tedesco, qualche collega europeo preferisce lo spagnolo… insomma un’esperienza davvero interessante, molto stimolante ed inclusiva per tutti”.