Fumettoteca Fumetto Scuola Umiliacchi

Promosso dall’Avis Comunale di Forlì e dalla Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati ‘Calle’, patrocinato dal Comune di Forlì e della Azienda Unità Sanitaria della Romagna, è aperto al pubblico forlivese il corso gratuito di fumetto ‘PerCorso di Fumetto’, a supporto del Contest a premi ‘Rosso come…’. Un evento fumettistico tra i più particolareggiati proposto, non solo a Forlì, con la presenza di ben sette autori professionisti di fama, anche, internazionale per una iniziativa volta a migliorare e, soprattutto, stimolare una più profonda comprensione dell’universo della donazione e della solidarietà.

L’Avis e la Fumettoteca Regionale invitano tutti gli interessati a partecipare, con l’iscrizione online nel sito della Fumettoteca (www.fanzineitaliane.it/fumettoteca/), entro il 30 settembre, con la proposta che vuole mettere a frutto la creatività e la fantasia dei forlivesi grazie a questo innovativo ed esclusivo progetto mai proposto nella nostra città. Il fumetto, inteso come medium, è un notevole ed eccezionale mezzo di comunicazione, efficace in molti settori, come quello della solidarietà e del volontariato. Un calendario di 10 incontri, per un totale di 20 ore, che si terranno presso la sede Avis Forlì, via G. della Torre 7, dal 4 ottobre al 11 novembre nei pomeriggi delle giornate di martedì e venerdì dalle 16,00 alle 18,00. Invito al quale tutti possono dare il loro contributo, grazie al supporto di grandi fumettisti, autori di personaggi come Batman, Guerre Stellari, Tex, Dylan Dog, Nattan Never, Zagor, Diabolik, Lupin III e molti altri, in una dimensione di ‘bellezza e gentilezza del dono’ per essere maggiormente inclusivi a livello sociale. Per informazioni e le iscrizioni al Corso gratuito ‘PerCorso di Fumetto’, tempo massimo entro il 30 settembre, contattare la Fumettoteca 3393085390 – fumettoteca@fanzineitaliane.it.

Proprio in questo stesso periodo l’esperto fumettotecario, Gianluca Umiliacchi, è al lavoro per il supporto gratuito con assistenza esterna alla tesi di laurea, Università 3 Roma, rivolta al contesto fumettistico in relazione delle disabilità individuali. Un impegno che ben si abbina alla proposta del corso gratuito e del contest a premi che l’Avis forlivese con la Fumettoteca hanno concretizzato e a cui tutti i giovani interessati possono aderire, senza alcun costo, impegnandosi per piazzarsi fra i primi cercando di vincere anche dei montepremi. Scopo e tema del contest a premi è la creazione di un elaborato fumettistico allineato alla conoscenza/promozione del sangue, in tutte le sue sfaccettature, inclusa quella della donazione, con la certezza che il lavoro basato sull’immagine fumettistica abbia in sé la capacità di emozionare e veicolare innovative riflessioni su questo gesto di grande valenza sociale.

La donazione di sangue espressa attraverso l’affascinante grafica della nona arte dona a tutti gli interessati l’occasione di tradurre in fumetti la propria percezione del concetto e dello scopo di promuovere e sensibilizzare l’importante pratica della donazione. Due tavole, una storiella breve, è la richiesta del contest, con l’invio dei fumetti si partecipa ad una mostra, un riconoscimento e il premio in denaro per i primi tre vincitori. Vi domandiamo avete mai guardato il sangue? Diciamo guardato non semplicemente ‘visto’ o osservato nei vari film o fumetti. Avete mai provato a pensare a che cosa significa il sangue per il nostro corpo? Avete mai pensato al sangue come donazione da voi ricevuta nel momento della vostra nascita? Ecco uno spunto, si può provare a riflettere, magari informandosi sulle tante storie della vita e a tradurle nel linguaggio delle ‘nuvolette’. Affrontate il tema con la consapevolezza che il ‘Rosso come…’ può, e deve, essere molto di più.

Il fumetto è un grande mezzo di comunicazione, è un linguaggio aperto e fruibile per tanti ambiti e situazioni, le parole e le immagini fumettistiche sono in grado di trasformare una storia della Nona Arte capace di trasmettere valori e concetti sociali. La donazione di sangue è un gesto che porta in sé il principio di un atteggiamento spontaneo che risponde a una identità di interessi e sentimenti, un gesto in grado di attivare un processo emozionale, ancor prima che fisico, che avvicina le persone ad un senso più autentico di partecipazione e condivisione della comunità d’appartenenza. Donare una parte di sé stessi per aiutare il prossimo è la forma più alta di empatia che si possa raggiungere, con una maggiore consapevolezza di noi stessi e del valore che possono avere le nostre azioni.

L’organizzazione fumettistica prosegue il suo percorso nel coinvolgere e soddisfare, con un costante aumento di partecipazione da parte dei giovani e giovanissimi, oltre ad essere anche un punto di riferimento per gli anziani appassionati. Una realtà di valore intergenerazionale come poche, una risorsa aggregativa, ludica ed educativa per i ragazzi, i giovani e gli adulti, luogo di studio e di incontro, spazio di interesse pubblico aperto e cooperativo per fare rete con associazioni, comitati di quartiere, cooperative sociali e scuole. Un contesto sociale e culturale ormai ben definito che, col supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, il Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, è fra gli unici punti di riferimento fumettistici dinamici e attivi per tutta la Regione, la ‘Biblioteca dei Fumetti’, aperta anche quando le altre biblioteche sono chiuse. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni 3393085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it, www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva “La Magnalonga Forlivese”
Articolo successivoPareggio nella prima doppia sfida di semifinale playoff tra Forlì e Saronno
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.