Fridays For Future Forlì

Venerdì 23 settembre, Fridays For Future torna a scendere nelle piazze di tutto il mondo. Questa volta, a Forlì ci sarà una novità: non saranno solo le attiviste e gli attivisti per il clima ad animare la marcia: ad organizzare lo sciopero assieme a loro c’è una lunga lista di realtà del territorio che si sono unite sotto lo slogan: “ambiente è partecipazione”.
Le realtà coinvolte sono: Unione degli Universitari, Rete degli Studenti Medi, Azione Cattolica, Masci, Taaf, Legambiente, coop. Paolo Babini, Parents For Future Forlì, Ass. Nuova Civiltà delle Macchine, Emilia-Romagna Meteo, Centro per la Pace, Legambiente, Slow Food FC, Pastorale Sociale della Diocesi, Walk&Talk. Anche gli scout Agesci sponsorizzeranno la manifestazione in tutti i loro canali. Ogni realtà potrà aderire con i propri simboli, ma senza alcun partito politico.

Il ritrovo è alle 9,00 in Piazzale della Vittoria. Da qui si partirà con un corteo circolare che passerà per le vie del centro e terminerà al Parco della Resistenza. Qui inizierà la seconda parte della mattinata, con interessanti workshop organizzati dalle varie realtà incentrati su tematiche legate all’emergenza climatica, all’energia, al tema della partecipazione al voto. Il corteo si caratterizzerà per lo slogan “Vota per il clima”. Verrà chiesto ai partecipanti di esprimere i loro pensieri e le loro istanze: per farlo saranno distribuite delle schede che saranno raccolte in delle urne simboliche. Al termine dei workshop ci sarà il pranzo, in convenzione con il chiosco del parco, ad un prezzo di favore per i partecipanti e totalmente ecosostenibile. Una mattinata di rivendicazioni, ma anche di informazione e approfondimento.

Con questo sciopero chiediamo che quelle del 25 settembre siano delle elezioni climatiche. Dopo l’estate appena trascorsa tra siccità, crolli di ghiacciai e alluvioni, non possiamo più restare indifferenti: è sempre più evidente che il clima sia strettamente collegato alla giustizia sociale. Vogliamo che ogni cittadina e cittadino capisca l’importanza della partecipazione attiva alla vita politica e al voto“, afferma Agnese Casadei, portavoce di Fridays for future Italia.

Se il diritto di voto ci venisse tolto domani, scenderemmo subito in strada a protestare. Allora perché quando ci tolgono la voglia di votare, non ci esprimiamo?” ribadisce Giacomo Zattini, attivista e fondatore di Fridays for future Forlì. Gli organizzatori ribadiscono la totale trasversalità della manifestazione e della causa climatica: “Che siate persone giovani o adulte, studenti o lavoratrici, unitevi a noi il 23 settembre: solo insieme potremo affrontare e risolvere questa emergenza”.