Al via l’anno scolastico per gli oltre 93.000 studenti delle scuole statali di Forlì-Cesena e Rimini

0

È suonata oggi la campanella per i 93.375 iscritti, per l’a.s. 2022/2023, nelle scuole statali del territorio Romagna – Forlì-Cesena e Rimini (il 17,27% del totale regionale di 540.494 unità). In provincia di Forlì-Cesena gli iscritti sono 51.997 (46.821 al netto delle scuole per l’infanzia) mentre in provincia di Rimini sono 41.378 (37.945 al netto delle scuole per l’infanzia).

Il 40,2% della popolazione scolastica delle due province frequenta le scuole primarie, il 21,6% frequenta le scuole secondarie di primo grado e il 38,21% le scuole secondarie di secondo grado (Fonte: Ufficio Scolastico Regionale Emilia-Romagna).
Inizia oggi l’anno scolastico nelle nostre province e colgo l’occasione per augurare a tutti, studenti e personale scolastico, un augurio di buon lavoro – dichiara Carlo Battistini, presidente della Camera di commercio della Romagna –. Gli anni appena trascorsi sono stati molto difficili per il Paese, e in particolare per la scuola. Nel 2021, in Italia, il tasso di uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione si è attestato al 12,7%; in regione il tasso di abbandono scolastico è, invece, in netto calo ed è passato dal 13,2% del 2014 al 9,9% del 2021, ben al di sotto della media italiana e linea con l’obiettivo europeo del 10%. Dobbiamo continuare, perciò, a lavorare in questa direzione e resta come obiettivo prioritario quello di lavorare per un sistema territoriale della conoscenza e dei saperi che investa sulle persone, sulle loro competenze e sulle loro capacità e creatività”.

Dobbiamo impegnarci ancora di più per rafforzare il percorso portato avanti in questi anni nella nostra regione per garantire a tutte e tutti il successo formativo. Secondo l’ultimo rapporto Invalsi, infatti, tra il 2019 e il 2021, in Italia, il 7,5% degli studenti arrivano al diploma di scuola superiore senza le competenze minime necessarie per entrare nel mondo del lavoro e dell’Università. Un numero troppo elevato, sebbene in diminuzione nell’ultimo anno, perciò serve una scuola aperta, accogliente e sicura con percorsi e strumenti didattici innovativi che accompagnino la crescita e garantiscano una formazione di qualità. Per contribuire al raggiungimento di questi obiettivi, la Camera della Romagna è impegnata sulla linea strategica ‘Competenze, orientamento, formazione al lavoro e supporto al placement’ e prosegue la collaborazione con il sistema degli istituti superiori al fine di migliorare la connessione tra sistema scolastico e sistema delle imprese“.