Spinadello

Spinadello continua la sua riflessione sul tema dell’acqua, con una mostra di manifesti illustrati e un programma di eventi collaterali che si terranno dal 23 settembre al 30 ottobre negli spazi dell’ex centrale di sollevamento e nell’area dei meandri del fiume Ronco.

La mostra Parlo Acqua, che inaugura venerdì 23 settembre alle ore 18,30, racconta attraverso la voce di 17 illustratori, disegnatori e creativi la più abbondante delle risorse scarse, il più vitale, mobile e prezioso elemento terrestre che abita tutte le geografie del Pianeta. Nata come esito di una call internazionale promossa nel 2021 dal festival marchigiano KA Nuovo Immaginario Migrante – con cui Spinadello collabora per la prima volta ampliando la rete dei soggetti coinvolti nel percorso di valorizzazione dell’acquedotto storico – la mostra interroga il fruitore sull’elemento dell’acqua e sui suoi significati, in quanto bene prezioso, vitale, diritto universale, ma anche oggetto di privatizzazioni e speculazioni, motivo di dissesto e di distruzione.

Oltre ai manifesti, nella centrale di sollevamento sarà allestita BOA: una selezione di circa 50 libri illustrati inerenti alle tematiche della mostra scelti dalla biblioteca comunale “P. Artusi” di Forlimpopoli, consultabile da tutti ma dedicata in particolar modo alle bambine e ai bambini che visiteranno lo spazio fino al 30 ottobre. Tra gli eventi collaterali, il programma prevede inoltre due appuntamenti pensati proprio per i più piccoli, che grazie a passeggiate, letture e un laboratorio di scoperta dei ciottoli fluviali potranno avviare una propria riflessione sull’acqua come risorsa e casa per alcune delle più strabilianti creature del Pianeta.

Si parte quindi questa settimana con l’inaugurazione di Parlo Acqua e la proiezione del video omonimo, prevista per venerdì 23 settembre alle ore 18,30, alla presenza dell’antropologa ed esperta di migrazioni Valeria Bochi (KA Nuovo Immaginario Migrante) e il regista Matteo Giacchella. Dopo l’inaugurazione la mostra sarà aperta il sabato dalle 15,00 alle 18,30; domenica 2, 16 e 30 ottobre dalle 10,00 alle 15,00 e in occasione di tutti gli eventi che si terranno a Spinadello in concomitanza del periodo di mostra.

Sabato 24 settembre, alle ore 21,00 sarà la volta del concerto dei Marcabru, che suoneranno dal vivo presentando al pubblico il nuovo album “Asteroids”. Durante la serata sarà possibile anche ammirare l’opera “Zoomorfologia del Cosmo” di Alessandro Turoni, fotografata nella copertina del disco. Ingresso a offerta libera, prenotazione consigliata su spinadello@gmail.com.