lepre

Tra le letture estive ho ripreso “L’anello di Re Salomone” del grande Konrad Lorenz. L’etologia ha un fascino profondo ed è anche formativa per cercare di misurarsi con le scienze sociali, le relazioni, le dinamiche individuali e di gruppo. Un po’ per curiosità, un po’ per spirito di conoscenza mi sono dotato di un apparecchio per immortalare la vita animale che circonda le nostre abitazioni, nel mio caso a una manciata di chilometri da Forlì, nella Valle del Rabbi. Tra le prime catture, oltre a passaggi notturni di volpi e tassi, c’è una bellissima lepre, che è sembrata mettersi in posa, alla luce già calda del primo mattino. Poi uno scatto sterzante e un balzo, tra l’avena selvatica e la “rubinera”.

Mario Proli

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Santa Sofia "La musica, un ponte fra i popoli"
Articolo successivoLe perdite idriche di un bene prezioso come l’acqua
Laureato in Storia Contemporanea, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Bologna. È responsabile dell’Unità Stampa e Eventi Istituzionali del Comune di Forlì e dell'Ufficio Stampa del Comune di Forlì. Scrittore, storico e autore di diverse pubblicazioni. È presidente dell'Associazione Stampa di Forlì-Cesena.