bomba d'acqua a Santa Sofia

Anche oggi continua il lavoro per il ritorno alla normalità dopo la bomba d’acqua di giovedì 7 luglio. Il servizio di spazzamento è stato implementato sia a Santa Sofia che a Corniolo. L’ufficio tecnico e gli operai comunali anche oggi sono intervenuti in alcune aree particolarmente colpite. Rimangono i danni per i privati (in particolare le auto danneggiate dalla grandine)” sono le parole del sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi.

Come Comune abbiamo comunicato quanto accaduto, pur consapevoli che è improbabile l’arrivo di risorse dedicate. Purtroppo eventi come questi, pur violenti, sono in aumento a causa dei cambiamenti climatici ci mostrano quanto siano importanti i comportamenti di tutti, pubblico e privati. L’aspetto positivo è che non ci sono stati feriti. Continuiamo a monitorare la situazione con l’aiuto attivo della popolazione che ringrazio per quanto voglia segnalare” conclude Valbonesi.

Il forte temporale che si è abbattuto sul territorio del Comune di Santa Sofia giovedì scorso ha portato vento forte, grandine, e tanta pioggia. Oltre a vari allagamenti, sostegni delle rete elettrica caduti, mancanza di energia elettrica in viale Roma e via Marconi, qualche pozzetto divelto per fortuna non si sono ravvisati danni a persone. Alberi e pali caduti, strade da ripulire da fango, detriti e resti vegetali, macchine danneggiate dalla grandine, caditoie da ripulire: questo è il lascito della bomba d’acqua che ha colpito gli abitati di Santa Sofia e Corniolo in particolare. Particolarmente pesanti sono i danni alle automobili causati dalla grandine a Corniolo.