Legalità

Dopo la giornata del 23 maggio in cui Forlì ha ricordato il sacrificio dei giudici Falcone e Borsellino e di tutti gli altri servitori dello Stato uccisi con loro, la “Settimana della Legalità – Vivere la Legalità”, voluta e finanziata dal Comune di Forlì con il proprio Assessorato alla Legalità, cui è preposto l’assessore Maria Pia Baroni, è proseguita nel Complesso della Legalità di via dell’Appennino 282, riqualificato e allestito per l’occasione, per scoprire e vivere uno spazio che finalmente è stato restituito alla città.

Una rassegna che ha riscosso un grande successo; quasi 3.000 presenze, tra studenti, cittadini, famiglie, anche grazie alla collaborazione di ben 28 associazioni unite in una rete coordinata dalla Fondazione Butterfly onlus unitamente alla Consulta Comunale sulla Legalità presieduta da Riccardo Tessarini.

Quattro giornate dedicate ai temi della Legalità, dal 24 al 27 maggio, in cui gli spazi del Complesso della Legalità – la Casa della Legalità, il teatro, il parco – si sono animati di spettacoli, riflessioni, progettualità futura, laboratori didattici, stand delle associazioni, visite guidate nel parco natura, a cura della Fattoria didattica I Nani di Giada, del maneggio Il Raggio di Sole e di Romagna Trekking, alla scoperta di alpaca, caprette e pecore nane, asini nani, conigli e cavalli protagonisti di storie di illegalità.

Si è trattato di quattro giorni di riflessioni e festa – ha dichiarato l’assessore Maria Pia Baroni – che hanno fatto del Complesso della Legalità un luogo di incontro tra l’Amministrazione Comunale e scuole, famiglie e associazioni territoriali. Un’esperienza talmente positiva che è nostro intendimento riproporla anche per l’anno prossimo, proseguendo pertanto nell’obiettivo di qualificare sempre più lo stesso Complesso come crocevia di relazioni, di scambi, di riflessioni e di valori condivisi. in una logica ove il concetto di legalità assume una dimensione di quotidiana vita vissuta”.