Fumettoteca Dante

Dal 2 all’8 maggio in Emilia Romagna si svolge la ‘Settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio’, la ventunesima edizione di ‘Quante storie nella Storia‘ che vede le aperture straordinarie pomeridiane della sede fumettotecaria per tutta la settimana. A seguire, fino al 31 maggio, aperture su richiesta per l’esposizione consultabile e visite guidate, inerenti alla mostra ‘Dante e fumetto, connubio perfetto!’.

La FumettoDanteca è una esclusiva ed innovativa Biblioteca Internazionale di ‘Fumetti dedicati all’Opera e al Sommo Poeta Dante Alighieri’. Una unicità internazionale che prende corpo nel 2021 grazie al supporto della Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati ‘Calle’, di Forlì, e all’impegno della gestione di volontariato da parte dello Staff Fumettoteca. Un esclusivo progetto che nasce a seguito delle donazioni, ricerche e studi, oltre alle varie iniziative promosse, attivate ed eseguite nel contesto dell’ambito fumettistico relativo all’opera alla figura di Dante Alighieri, nonché al tema dantesco. Quindi, aperture straordinarie e a richiesta della Fumettoteca Regionale per il pubblico e le classi della scuola secondaria, con la proposta di documenti fumettistici, cartacei e digitali, ben oltre 300, disponibili alla consultazione. Per informazioni 339 3085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it.

Nello specifico contesto, per la manifestazione regionale di ‘Quante storie nella Storia’ edizione 2022, dal 02 al 31 maggio la FumettoDanteca, previo richiesta, proporrà al pubblico l’evento dal titolo ‘Dante e fumetto, connubio perfetto!’ una proposta che spazia dalle visite guidate in sede alle esposizioni a tema con prodotti della nona arte sul Sommo Poeta, Dante Alighieri, e la sua Opera, fino allo sviluppo di iniziative, per ragazzi e adulti, che mettono in relazione l’arte della letteratura disegnata con con le arti performative e progetti didattici basati sull’ambito affrontato. Il programma di iniziative realizzate da enti, istituzioni e scuole per valorizzare il patrimonio documentario presente sul territorio dell’Emilia-Romagna affida il ruolo di protagonisti ad archivi storici comunali e archivi di Stato, biblioteche e musei, istituzioni scolastiche, archivi ecclesiastici, di istituti culturali e di altri soggetti sia pubblici che privati: associazioni, centri di documentazione, università, fondazioni culturali, istituti storici e, ovviamente, all’unica FumettoDanteca nel mondo. Una opportunità preziosa per far conoscere il proprio patrimonio archivistico, non solo attraverso la divulgazione dell’attività didattica e divulgativa che da anni svolgiamo, ma anche grazie a iniziative come questa, formative e promozionali mirate.

Una occasione per accrescere la consapevolezza di quanto sia importante l’archivio, come bene culturale e come memoria storica collettiva. La Regione, con l’Istituto Beni Culturali dal 2003 al 2020 e, dal 2021, tramite prima il Servizio e ora il Settore Patrimonio culturale, promuove la manifestazione in collaborazione con ANAI – Associazione nazionale archivistica italiana – Sezione Emilia Romagna e Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna, quest’anno l’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna ha concesso il patrocinio alla manifestazione per la rilevanza culturale e l’interesse per la comunità scolastica. 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Strade di donne”: tre incontri con i ragazzi delle scuole
Articolo successivo“Dominio e sottomissione: schiavi, animali, macchine, intelligenza artificiale”
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.