Cerimonia Service sensori pediatria

Con la consegna dei dispositivi medici per il controllo della glicemia nei bambini diabetici di Pediatria dell’Ospedale Morgagni-Pierantoni, composto da un ricevitore, due trasmettitori e tre sensori, si è concluso il service “Un sensore per la vita“, promosso dal Lions Club Forlì Host. La consegna, effettuata da Riccardo Bevilacqua, presidente del Club, e dai soci Caterina Rondelli, Paolo Talamonti e Claudio Sirri, è avvenuta alla presenza del dottor Enrico Valletta, delle dottoresse Benedetta Mainetti e Antonella Liverani, della caposala e di alcuni infermieri.

Le strumentazioni donate permettono l’inserimento di un piccolo sensore sotto la cute dei bimbi diabetici che misura continuamente i livelli di glucosio ed invia i dati in tempo reale a un dispositivo di visualizzazione mediante un trasmettitore permettendo così di intervenire immediatamente in presenza di una ipogligemia grave. La prevenzione è fondamentale e, nonostante tutti i tentativi fatti, oggi non esiste alcun modo certo per prevenire il diabete di tipo 1.

Questa malattia è in progressivo aumento e interessa sempre di più i bambini anche in età prescolare. Si tratta di una malattia cronica, che comporta una gestione quotidiana complessa: è infatti indispensabile effettuare numerosi controlli glicemici durante la giornata per ottenere un adeguato controllo e somministrare la giusta dose di insulina ai pasti. Monitorare correttamente la glicemia in un bambino con diabete tipo 1 significa garantirgli una buona qualità di vita, rendendo possibile le varie attività quotidiane: un sereno impegno scolastico, la partecipazione all’attività sportiva, la condivisione del tempo libero con gli amici, i giochi al parco.

Fino a pochi anni fa i controlli glicemici erano possibili solo attraverso micro-prelievi di sangue capillare. Fortunatamente la tecnologia è venuta in aiuto. I sensori glicemici sono dispositivi che consentono di rilevare la glicemia evitando il prelievo della gocciolina di sangue dal dito. In particolare, i dispositivi oggetto della donazione, sono dotati della più alta affidabilità, in quanto sono sensori real-time che consentono di registrare continuamente i valori glicemici e di trasmettere il dato a ricevitori a distanza. Questa innovazione tecnologica ha migliorato significativamente la qualità di vita dei bambini: le maestre, sia alla scuola materna sia alla scuola elementare, possono gestirli con maggiore serenità, i genitori possono a distanza controllare l’andamento glicemico e non sono più in ansia come prima. I bambini accettano volentieri questo nuovo apparecchio, ne vanno anzi orgogliosi, mostrandolo ai compagni come “un nuovo cellulare ancora più bello, ancora più tecnologico”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa commedia "Ma la Gilda la n'mor mai?" e la multivisione "Nepal"
Articolo successivo"Cialtronight" ultimo appuntamento della stagione al Naima
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.