Il primo 25 aprile senza Sergio Giammarchi

0

Sto pensando che questo è il primo 25 aprile senza Sergio Giammarchi, lo straordinario partigiano della Banda Corbari – la più atipica della Resistenza romagnola – scomparso qualche mese fa. Mia moglie Monica lo ha ricordato, questa mattina, mentre riflettevamo su questo strano anniversario, attraversato da parole pesanti come guerra, indipendenza, invasore. Le parole hanno un suono diverso a seconda del momento in cui sono pronunciate. Per questo, non è facile interpretarle.

Il Presidente della Repubblica cita Bella Ciao come un palinsesto (ma lui è un colto democratico del XX secolo). Un genitore ideologizzato, viceversa, si arrabbia, perché Bella Ciao è una canzone “comunista” e non vuole che suo figlio la canti a scuola: e dimostra così di vivere ostinatamente in un passato che non passa, mentre tutto intorno a lui cambia, dai cellulari alle piattaforme digitali. Ma se non siamo contemporanei al nostro tempo, che sarà di noi?

Roberto Balzani

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl XII premio “Salvatore Gioiello” a Beppe Conti
Articolo successivoIl Forlimpopoli vince l'ultimo derby della stagione
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.