FumettoDanteca 2021 Vernice

Il 2022 è l’Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina, promosso dal Ministero della Cultura, che vede l’allestimento di mostre, iniziative di gemellaggio tra i siti Patrimonio dell’Umanità Unesco di Italia e Cina. In questa specifica occasione la FumettoDanteca internazionale, grazie alla partecipazione collaborativa di Clara Longhi, ha proposto agli studenti del laboratorio di lingua cinese per gli studi triennali di Interpretariato e Comunicazione, allo IULM a Milano, di tradurre le pagine del fumetto cinese dedicato a Dante Alighieri. Referenti del progetto Dante/Cina il direttore della Fumettoteca Regionale GianLuca Umiliacchi, la professoressa di traduzione dal cinese all’italiano e mediatrice culturale Clara Longhi con la collaborazione di Li Si e Zhang Hailing che hanno permesso di reperire informazioni sul testo.

A seguito del 2021, anno dantesco, la FumettoDante internazionale ha promosso il progetto ‘Dante 701’, occasione per proporre iniziative come la mappatura delle pubblicazioni fumettistiche dantesche di tutto il mondo, raccolta fruibile in sede e online sul sito ufficiale, e molti altri eventi che dall’inizio dell’anno sono attivi. A conclusione dell’Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina è prevista una esposizione legata al progetto fumetto Dante/Cina con la mostra delle relative pagine. L’unica FumettoDanteca internazionale, dimostra alla città di Forlì, e a tutta la nazione, come la ‘Biblioteca dei Fumetti Danteschi’, gratuitamente disponibile ai cittadini forlivesi e a tutti gli interessati, di possedere un’offerta articolata ed esclusiva, forte di una professionalità e serietà unica. Per informazioni e chiarimenti 3393085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it.

Il laboratorio di traduzione del fumetto Dante/Cina ha visto gli studenti lavorare a gruppi, svolgere l’attività di traduzione e revisione con il supporto della docente Longhi alla propria classe C3B del corso di laurea triennale in Interpretariato e Comunicazione, 12 partecipanti che hanno tradotto gli ideogrammi cinesi, Andrea Ionita Larisa, Safae Lagdani, Teresa Musone, Sofia Pavesi, Sara Rossignoli, Ginevra Sacco, Adriana Scandale, Carlotta Serra, Giovanni Sommaruga, Gaia Triberio, Greta Vaccaro e Marinella Varone.

La pubblicazione individuata in Cina è del formato lianhuanhua, una forma di fumetto o come il nome stesso suggerisce ‘immagini concatenate’, appunto ‘immagini in sequenza’ come spesso viene definita la nona arte – spiega Clara Longhi -. Nel corso degli anni Venti questi piccoli libricini lunghi diventano di moda. Venduti per una cifra modica o proposti in affitto, stampati in bianco e nero su un foglio di scarsa qualità, con una copertina a colori attraente, grazie alla loro economicità e alle grandi tirature da un lato sono un mezzo di divulgazione e dall’altro di propaganda. In particolare – conclude la professoressa – di questa pubblicazione su Dante Alighieri abbiamo poche informazioni, sappiamo infatti solo che viene stampato a gennaio 1994, quindi diversi anni dopo che era di moda. Lo scopo di questa pubblicazione è certamente divulgativo, avvicinando così il sommo poeta alle masse cinesi“.

La FumettoDanteca è l’esclusiva ed innovativa ‘Biblioteca Internazionale di Fumetti dedicati all’Opera e al Sommo Poeta Dante Alighieri’, unica al mondo gestita con attività ed impegno di volontariato con lavoro gratuito, diretto dall’esperto fumettotecario GianLuca Umiliacchi. Nel 2022 avvia il ‘Dante 701’ ovvero DanteAlighieriComics, eventi e iniziative esclusive che vede anche proseguire le donazioni di fumetti su Dante da tutto il mondo, un progetto didattico di ricerca, recupero, salvaguardia e promozione della produzione fumettistica dantesca. Forlì, per mezzo della Fumettoteca regionale, può vantare un’altra vocazione fumettistica unica ed innovativa, con un notevole parco documenti internazionali si è concretizzata una eccellenza culturale sempre più esclusiva e ben riconosciuta, risorse aggregative, ludiche ed educative per i ragazzi, per tutti i giovani e gli adulti, luogo di studio e di incontro, spazio di interesse pubblico aperto e cooperativo. La Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati ‘Calle’, col supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, il Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, ha la possibilità esclusiva di concretizzare attività per nuove relazioni sociali e reti di socializzazione, grazie alla ‘Biblioteca dei Fumetti’, aperta anche quando le altre biblioteche sono chiuse.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl documentario "Com'è nato un Golpe: il caso Moro"
Articolo successivoBilli: «Serve un'area feste feste comunale attrezzata»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.