Potenziamento del servizio di operatore di territorio a Predappio

0

Dall’1 aprile partirà il potenziamento dell’operatore di territorio che passerà dalle 10,00 ore attuali a 24 a settimana. Si tratta di un servizio di assistenza domiciliare realizzato dal Comune di Predappio, con l’obiettivo di contrastare l’isolamento e la solitudine delle persone in difficoltà e delle loro famiglie, sostenendo e attivando le reti sociali e relazionali nell’ambito delle comunità, per contrastare le fragilità e prevenire le situazioni di abbandono.

L’operatore monitora i casi complessi seguiti dal servizio sociale; rileva i bisogni e le richieste; informa e accompagna verso i servizi; svolge attività di sostegno alla vita quotidiana; attiva le risorse del territorio come associazioni, farmacie, medici, esercizi commerciali, servizi di piccola manutenzione; promuove il senso di comunità. In questi anni il servizio di operatore del territorio ha permesso di monitorare i casi di anziani soli o particolarmente complessi e di affiancare l’inserimento dell’assistente familiare laddove questo intervento non fosse inizialmente ben accettato dalla persona anziana.

L’intervento dell’operatore è utile anche per accompagnare le famiglie in difficoltà verso i servizi o per la produzione di documenti utili alla richiesta e attivazione di servizi come la compilazione del modello Isee. “L’intervento dell’operatore – specifica l’assessora al Welfare Francesca Farolfigarantisce la possibilità di intervenire tempestivamente nelle situazioni di particolare emergenza laddove esiste un grave deficit nell’autonomia della persona e una scarsa o inesistente rete parentale. È una figura che si occupa anche di progettare un intervento efficace a favore della persona nel rispetto dei tempi, garantendo nel frattempo la sicurezza dell’utente e favorendo il monitoraggio, lo scambio e la valutazione delle situazioni con continuità e periodicità. L’operatore, infatti, collabora sempre con l’assistente sociale per cercare di aiutare le famiglie da diversi punti di vista”.