Oleodinamica Forlivese calcio a 5

Rimini Calcio a 5 – Oleodinamica Forlivese Forlì: 1-4

Rimini Calcio a 5: Ciappini, Muratori, Gianni, Gasperoni, Vitali, Timpani, Celli T., Tonini, Marino, Nishimura, Celli S., Gemmani. All. Novembrini.
Oleodinamica Forlivese Forlì: Cassano, Fabbri, Benhya, Cangini Greggi, Di Maio, Simone, Ragazzini, Bruno, Betancort, La Corte, Horikawa, Salvatore. All. Vespignani.
Arbitri: Elezi di Ravenna, Fortunati di Cesena.
Note – Ammoniti: Betancort, Marino. Marcatori: 6’ aut. Benhya, 10’ Fabbri, 14’ Cangini Greggi, 16’ Horikawa, 23’ Salvatore del p.t.

Dopo due pareggi consecutivi torna alla vittoria il Forlì di mister Vespignani che dopo essere andato in svantaggio in avvio di gara ribalta il risultato con una veemente reazione nella prima frazione chiusasi sul 4-1 per poi amministrare nella ripresa. Oleodinamica che, a 4 giornate dalla fine, consolida così così la sua terza piazza col vantaggio sul Santa Sofia quarto che si dilata a 13 punti e che se fosse mantenuto da qui alla fine di almeno 10 lunghezze permetterebbe ai forlivesi di accedere direttamente alla finale play-off escludendo la quarta e la quinta classificata dal post season. Rimane invece invariato lo svantaggio sulle prime della classe col Balca secondo avanti di tre lunghezze e la capolista Real Casalgrandese, attesa la Pala Marabini sabato prossimo, avanti di cinque punti.

Cronaca. Forlì pericoloso al 4’ con La Corte che serve sul secondo palo un cioccolatino per Betancort che a botta sicura colpisce il montante. Al 6’ su una punizione di Timpani è Benhya in copertura sul palo a deviare la palla nella propria rete per il vantaggio dei padroni di casa. All’ 8 Vitali con una rasoterra chiama Cassano ad allungarsi in corner dai cui sviluppi nasce l’occasione per Tonini che in girata trova l’opposizione di petto di Cassano. Forlì risponde con capitan Cangini che libera Fabbri a tu per tu con Ciappini col pivot forlivese che in scivolata sfiora il pareggio. Pari che arriva comunque due minuti dopo con Benhya che fa il break a metà campo serve Horikawa al limite che di prima libera Fabbri solo a centro area che questa volta non sbaglia firmando l’1-1. All’11 capitan Cangini ci prova di potenza Ciappini respinge di pugni. Minuto 14, Di Maio servito da rimessa laterale conclude di potenza Ciappini respinge corto in area dove il più lesto è capitan Cangini che in un fazzoletto controlla e insacca la rete del sorpasso. Forlì bravo a reagire ma anche fortunato infatti al 16’ su un tiro rasoterra di Horikawa senza troppe velleità arriva una sfortunata deviazione di un difensore che inganna l’incolpevole Ciappini per l’1-3 forlivese. Forlì sfrutta il buon momento e continua a spingere sfiorando la quarta rete con una puntata di La Corte su cui Ciappini in spaccata si supera deviando in corner ma deve capitolare al 23’ quando sugli sviluppi di un corner dalla destra Salvatore da terra risolve in gol una mischia in area per l’1-4. Forlì prima dell’intervallo vicino alla quinta rete con un bel triangolo fra Cangini e Fabbri con la conclusione di quest’ultimo a fil di palo.

Nella ripresa, che si concluderà a reti inviolate, torna in campo un Rimini più accorto che prova una maggiore pressione con la speranza di riaprire il match ma trova un Forlì capace di chiudersi e provare a colpire in contropiede con La Corte al 2’ e Fabbri al 3’ che non capitalizzano due importanti occasioni a tu per tu con Ciappini. AL 9’ è Vitale con un pallonetto su Cassano dal limite a sfiorare la seconda rete riminese mentre al 20’ è uno strepitoso Cassano a negare con un riflesso la rete a Gianni autore di una deviazione a colpo sicuro in area. Nel finale si rivede in campo Simone che crea subito scompiglio colpendo una traversa al 20’ con una deviazione da due passi su tiro di Betancort. Simone protagonista anche al 27’ quando libera a centro area Horikawa che spreca però a tu per tu con Ciappini calciando centralmente. Gli ultimi squilli della gara sono dei padroni di casa vicini alla rete prima con un contropiede di Vitali che spreca calciando fuori e ancora con una deviazione in area di Gianni che chiama Cassano alla deviazione in corner.