Emergenza Ucraina

Nei giorni scorsi il Lions Club Forlì Host ha perfezionato la donazione di 6.000 dollari alla Fondazione Lions Clubs International da utilizzare per i bisogni più urgenti della popolazione ucraina, sia quella che sta fuggendo dal paese sia quella che rimasta, quotidianamente martoriata dalla guerra. “Anche i fondi della nostra associazione, insieme a molti altri che sono arrivati alla Fondazione – precisa Riccardo Bevilacqua presidente del Club – saranno utilizzati per acquistare medicinali e altro materiale (garze, ovatta, bendaggi, siringhe), oltre a beni essenziali come cibo, acqua, vestiti e altri articoli. In questa campagna di solidarietà i Lions Club di tutto il mondo stanno partecipando alle raccolte di materiali di prima necessità e denaro; contribuiscono inoltre al trasporto di uomini, donne e bambini dai confini dell’Ucraina verso aree sicure“.

In queste circostanze l’efficiente gestione dei fondi è assicurata dalla Fondazione Internazionale Lions Clubs che da oltre 50 anni interviene in situazioni di emergenza ambientale ed umanitaria, impiegando il 100% dei fondi raccolti. Nel caso del conflitto in corso in Ucraina la Fondazione si è posta l’obiettivo di superare i 500.000 euro di aiuti. Inoltre i Lions italiani si stanno organizzando nelle diverse regioni, con il coordinamento dei Governatori distrettuali, per predisporre l’accoglienza dei profughi che stanno arrivando in Italia, operando in stretta collaborazione con Comuni e Prefetture.

A tale proposito il Multidistretto Lions ha stipulato accordi di collaborazione finalizzati all’accoglienza con il Ministero degli Interni, l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia – ANCI ed il Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, mentre la Fondazione Lions ha preannunciato la disponibilità a fornire contributi specificatamente per l’acquisto di alimenti ed abbigliamento per l’infanzia.

CONDIVIDI
Articolo precedenteStrade provinciali. Di Maio: «Dal governo 15 milioni di € per la nostra provincia»
Articolo successivo"L’anello forte" al Teatro Diego Fabbri
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.