Cani “di terapia” accanto alle persone fragili durante la visita oculistica

0

Tutto è partito dal progetto IAA (Interventi Assistiti con Animali) della Fondazione Opera don Pippo Onlus di Forlì e dall’immediata disponibilità dimostrata dall’Oculistica di Forlì, diretta da Giacomo Costa. Nei giorni scorsi, infatti, alcuni cani “di terapia” sono arrivati in supporto alle persone fragili durante la visita oculistica presso il reparto forlivese, con grande entusiasmo e soddisfazione da parte dei pazienti e degli operatori.

L’utilizzo degli animali a fini terapeutici ha radici molto antiche. Negli ultimi decenni, inoltre, è stato dimostrato un effetto diretto del legame con un animale da compagnia su parametri psicofisiologici collegati alla salute umana. La vicinanza con un animale da compagnia (pet) è stata associata con un minor rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, con una minore concentrazione di ormoni indicatori di stress, nonché con il rilascio di neurotrasmettitori capaci di facilitare i rapporti sociali (ossitocina).

In questo senso la relazione con un animale, aiutando ad affrontare condizioni di stress o di conflittualità, rappresenta un potenziale supporto per individui con problemi di comportamento sociale e di comunicazione, come bambini, anziani, disabili, pazienti psichiatrici. In questo contesto si inserisce l’importanza dell’intervento assistito di animali durante le visite sanitarie a persone con fragilità. “Grazie al dottor Costa, primario di reparto, al dottor Corazza e alle dottoresse Paci e Galante, all’ortottista Annalisa, a Valeria e a tutto il personale infermieristico e socio-sanitario per l’accoglienza e la disponibilità!“, scrivono i volontari dell’Opera don Pippo.

Il progetto IAA della Fondazione – aggiungono – prevede interventi assistiti con animali d’Affezione (Pet-therapy), che hanno l’obiettivo di migliorare le competenze relazionali e adattive ed aumentare l’autostima e il benessere personale. Possono essere creati diversi percorsi rivolti a persone con patologie fisiche, psichiche, sensoriali, o plurime, di qualunque origine. Gli interventi possono essere individuali e di gruppo e sono condotti da psicologhe-psicoterapeute con specifica formazione“.

CONDIVIDI
Articolo precedentePrimo appuntamento del 2022 con la fiera "Commercianti per un giorno"
Articolo successivoAiuti al popolo ucraino dall’Istituto Tecnico Aeronautico “Baracca” di Forlì
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).