Oleodinamica continua la caccia alla capolista con la cinquina al Baraccaluga

0

Oleodinamica Forlivese Forlì – Baraccaluga: 5-2

Oleodinamica Forlivese Forlì: Cassano, Mirenda, Fabbri, Benhya, Cangini Greggi, Di Maio, Simone, Rossi, Ragazzini, La Corte, Betancort, Orikawa. All. Vespignani
Baraccaluga: Gjini, Baldini, Cella, Carboni, Tagliavini, Elghachi, Joao pereira, Maiorino, Crisci, Silvano, Franca, Fariselli. All. Tagliavini
Arbitri: Staffelli di Reggio Emilia, Zarba di Finale Emilia.
Note – Ammoniti: Horikawa, Franca, Joao Pereira.
Marcatori: 4′ Simone, 10′ Benhya del p.t.; 15′ Rossi, 17′ e 18′ Fabbri, 24′ Franca, 29′ Maiorino (B) del s.t.

Continua la marcia dei ragazzi di mister Vespignani che con una prova solida e quadrata fanno rispettare il fattore campo con un rotondo 5-2 sul Baraccaluga collezionando la quinta vittoria consecutiva in campionato che permette ai forlivese di rimanere aggrappati ad un punto di distanza dalla capolista Real Casalgrandese che in rimonta espugna Parma di misura. Seconda piazza insidiata del Balca che segue i galletti a due punti con una gara in meno.

Sabato prossimo si recupera la prima giornata del girone di ritorno coi galletti che osserveranno il turno di riposo per poi far visita fra 15 giorni alla Futsal Portuense.
Cronaca. Nemmeno il tempo di scendere in campo e ospiti vicini al vantaggio con Baldini che a tu per tu con Cassano si fa ipnotizzare dall’estremo difensore forlivese che in spaccata salva il risultato. Forlì reagisce immediatamente con Simone vicino alla rete in due occasioni prima con un tiro alto dopo un incursione personale poi con una deviazione di rapina a centro area su cui Gjini si salva in corner come può. È il preludio al vantaggio che arriva al 4′ con Betancort che dalla sinistra serve un cioccolatino a Simone libero al limite dell’area che appoggia in rete di esterno nell’angolino basso dove Gjini non può arrivare.
Forlì è in pieno controllo del match e trova il raddoppio al 10′ con Benhya (nella foto) che innesca il destro dalla distanza e trova il sette opposto.

Ospiti che reagiscono veemente al doppio svantaggio con un tiro a filo di palo di Joao Pereira liberato da Elghachi al 18′ e due minuti dopo ancora con Joao Pereira che lanciato a rete in contropiede si vede respingere in corner di piede la propri conclusione da un super Cassano.
Al 25′ Franca dalla distanza chiama ancora Cassano alla smanacciata che salva il doppio vantaggio forlivese. Scampato il pericolo Forlì potrebbe arrotondare già prima dell’intervallo con Fabbri che liberato da uno schema su palla da fermo conclude a fil di palo al 26′.
Forlì che scende in campo nella ripresa deciso a riscattare il brutto finale di prima frazione e colleziona occasioni a ripetizione: al 1′ Simone lancia in contropiede Benhya, Gjini in uscita respinge la conclusione; al 4′ cost to cost di Benhya che taglia tutto il campo e a tu per tu con Gjini lo supera con un tocco morbido ma la palla esce di un nulla. Sempre al 4′ dopo una sponda di capitan Cangini Simone con una puntata di prima centra il montante. Al 5′ bellissimo scambio di prima fra Betancort e Simone disinnescato dal paratone in spaccata di Gjini.

Ospiti che provano ad affacciarsi in avanti al 13′ con una tiro dalla distanza di Joao Pereira sventata in tuffo da Cassano ma è solo una parentesi nel monologo forlivese che si concretizza nel 3-0 al minuto 15: Benhya trova un corridoio perfetto per Rossi che solo al limite destro dell’area controlla e di destro scaglia la palla sotto la traversa.
Mister Tagliavini opta immediatamente per Joao Pereira quinto di movimento ma un Forlì spietato castiga immediatamente il coraggio degli ospiti con Fabbri che nel giro di due minuti segna una doppietta che fa calare il sipario sul match: al 17′ Fabbri recupera palla e da metà campo centra lo specchio sguarnito mentre al 18′ sradica la palla in pressione all’ultimo difensore piacentino e deposita in rete.
Nel finale, con un Forlì colpevolmente con la testa già ai festeggiamenti, le due reti ospiti in contropiede con Franca e Maiorino che rendono meno amaro il passivo.