salone comunale Forlì

Giovedì 27 gennaio a partire dalle ore 10,00 nella sala del Consiglio Comunale di Forlì, si svolgerà un confronto ampio e intersettoriale per interrogarsi su come promuovere il benessere di bambini, ragazzi e famiglie e favorire il coinvolgimento dei cittadini e delle comunità verso progetti capaci di influenzare e migliorare la qualità della vita di tutti.
È possibile qualificare e innovare l’esistente per avere cura, insieme, di relazioni, persone, progetti e città? Amministratori, cittadini, professionisti del settore, tecnici e volontari contribuiscono a disegnare alcuni possibili “scenari di sviluppo” a partire dall’indagine proposta dal Centro per le Famiglie della Romagna Forlivese ai genitori residenti nei 15 Comuni del comprensorio.

Sono questi gli interrogativi che accompagneranno il seminario aperto al pubblico di dopodomani, promosso dall’Assessorato al welfare e politiche della famiglia del Comune di Forlì, in collaborazione con l’Unità Famiglie e Partecipazione e numerosi stakeholder del territorio. “La tavola rotonda di giovedì mattina – spiega l’assessore al welfare e alle politiche per la famiglia Rosaria Tassinariparte dal riconoscimento e dalla capacità di comprensione di nuove criticità emerse all’interno di una società in continua evoluzione. Dopo un lungo anno di cambiamenti e fragilità emerse a causa del Covid, riteniamo che sia importante per le nostre famiglie costruire una nuova fase di ascolto e di analisi dei bisogni dei genitori, tesa a far emergere quali forme di supporto possano efficacemente affiancarli durante la crescita dei figli. Le risultanze del questionario promosso dal Centro per le Famiglie della Romagna Forlivese, ci permettono di mettere a fuoco le fatiche e i nuovi bisogni legati al ruolo genitoriale, ricalibrandoli all’utilizzo di risorse e servizi già disponibili sul territorio”.