Bandi Pnrr. Moretti: «La Provincia aiuti i piccoli Comuni, no a territori a due velocità»

0

Il tempo stringe e i bandi del Pnrr sono strategici per i piccoli Comuni che, però, in molti casi non hanno le risorse sufficienti – a partire dal personale tecnico – per poter partecipare e predisporre la documentazione entro i termini. Per questo Fratelli d’Italia, attraverso un’interrogazione, sollecita la Provincia, e il suo presidente Enzo Lattuca, a intervenire nel segno dell’equità territoriale.

I piccoli Comuni hanno grosse difficoltà nel partecipare ai bandi per l’accesso ai fondi nazionali del Pnrr. Se non dovesse risolversi questo problema sarebbe una perdita economica a dir poco irripetibile per non dire drammatica, in quanto si tratta di un’occasione unica per poter così pianificare al meglio la ripartenza dopo la pandemia, dando anche a territori marginali infrastrutture strategiche per la crescita economica e nuovi servizi per la cittadinanza”, spiega il consigliere provinciale di FdI, Lucio Moretti, che ha presentato l’interrogazione all’ente di Piazza Morgagni.

È fondamentale intervenire al più presto per supportare in maniera concreta i Comuni più piccoli – spiega Moretti – che a causa di una carenza degli strumenti e del personale tecnico, rischiano di restare a bocca asciutta. Questa cosa creerebbe un grave pregiudizio, con lo sviluppo di territori a due velocità. Da una parte infatti ci troveremmo i Comuni più grandi, già normalmente avvantaggiati, che riuscirebbero ad intercettare ulteriori risorse, mentre dall’altra ci sarebbero i Comuni più piccoli, già troppo spesso dimenticati dalle Istituzioni competenti”.

Per Moretti è quindi fondamentale che “la Provincia svolga, in questo come in altri casi simili, il ruolo di coordinamento attivo e di supporto ai Comuni dando soluzione ad un problema imminente e concreto, anche attraverso, come già proposto da Fratelli d’Italia, la creazione di un organismo tecnico d’intesa tra Provincia e Regione. Non si può più rimandare: le scadenze prossime dei bandi ci costringono a trovare al più presto una soluzione percorribile”.