Bertinoro

A Bertinoro sta per prendere il via una nuova stagione di eventi:: il Capodanno a Teatro sarà il preludio all’edizione 2022 dei Pomeriggi del Bicchiere, che inizieranno a metà gennaio. Il programma delle iniziative è stato presentato questa mattina dalla sindaca di Bertinoro Gessica Allegni e dall’assessora alla Cultura Sara Londrillo con il direttore della “Scuola Musicale Dante Alighieri di Bertinoro” Ivan Bratti.

Il primo appuntamento è fissato per il 31 dicembre, nel teatro dell’Ex Seminario, dove andrà in scena uno spettacolo in due parti per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo. Si comincia, alle 21,00, con “A trebbo con Shakespeare”, brillante monologo in dialetto romagnolo di e con Denis Campitelli. Le vicende di Amleto, Giulietta e Romeo, Otello vengono ripercorse con lo spirito dei contadini romagnoli, rigorosamente in dialetto.
A seguire, il concerto di JJ Vianello: sei artisti per un repertorio musicale allegro e raffinato interpretato da chitarra e voce, basso, percussioni, sax e tromba. L’ingresso allo spettacolo è gratuito, con prenotazione obbligatoria telefonando allo 0543/469213. Per accedere è richiesto il super green pass e la mascherina FFP2, che dovrà essere indossata per tutta la durata dello spettacolo. Per rispettare le misure anti Covid, non ci saranno né il brindisi nè il previsto spuntino di mezzanotte.

Il Comune ha dovuto annullare, a malincuore, anche i festeggiamenti per la Befana previsti il 5 e 6 gennaio.

Dal 16 gennaio i Pomeriggi del Bicchiere

Bei libri, incontri con autori del calibro di Ermanno Cavazzoni, Grazia Verasani, Cristiano Cavina, buona musica, assaggi gustosi di vini e prodotti del territorio: questi gli ingredienti dei “Pomeriggi del bicchiere”, l’ormai tradizionale rassegna promossa dal Comune di Bertinoro che mette insieme il piacere della cultura e il piacere della tavola e che, dopo un anno di stop (causa pandemia), torna dal 16 gennaio con otto appuntamenti domenicali.
Estremamente ricco e vario il programma, che spazia fra temi e generi diversi sia sul fronte editoriale che sul fronte musicale ed enogastronomico; così, di domenica in domenica, si parlerà di territorio o di diritti, di poeti o di atmosfere noir, si ascolterà swing o canzoni d’autore, e – ciliegina sulla torta – si degusteranno le eccellenze di alcune delle più blasonate cantine bertinoresi accompagnate dalle specialità di aziende e sodalizi del territorio.

I primi cinque appuntamenti (dal 16 gennaio al 13 febbraio) si svolgeranno nelle sale del Grand Hotel Terme della Fratta, mentre per gli ultimi tre incontri (dal 20 febbraio al 6 marzo) ci si trasferirà nel Teatro dell’Ex seminario. Tutti gli appuntamenti avranno inizio alle ore 15,30. La partecipazione agli incontri è libera, ma bisogna prenotare telefonando allo 0543 – 469213 (Ufficio Turistico Comune di Bertinoro). Per accedere sarà richiesto il super green pass e la mascherina FFP2.

Domenica 16 gennaio si comincia con la presentazione del libro “Appennino, atto d’amore. La montagna a cui tutti apparteniamo” di Paolo Piacentini, uno dei maggiori esperti di cammini in Italia, presidente di Federtrek, autore del Manifesto del camminare insieme a Italo Clementi. La parte musicale sarà affidata Ester Saccenti (violino) e Mirko Maltoni (pianoforte) che proporranno un programma dedicato a Ciaikovski e Grieg).
Il piacere dell’assaggio sarà assicurato dai vini dell’azienda Bissoni e dai sapori della Pro Loco Fratta Terme.

Domenica 23 gennaio il giornalista, scrittore e critico musicale Michelangelo Iossa presenterà il suo libro “Rino Gaetano. Sotto un cielo sempre più blu”, pubblicato da Hoepli in occasione del quarantesimo anniversario della scomparsa del cantautore.
Anche il programma musicale, naturalmente, sarà un omaggio a Rino Gaetano, con i Kaiman Distratti, tribute band che da anni porta in giro la musica dell’eclettico autore di “Nuntereggaepiù” e “Ma il cielo è sempre più blu”. In assaggio i vini della tenuta Villa Trentola e il grano dell’azienda La via del Colle.

Domenica 30 gennaio lo scrittore e sceneggiatore Ermanno Cavazzoni (dal suo “Il poema dei lunatici” Fellini trasse il suo ultimo film “La voce della luna”) sarà protagonista di un incontro dal titolo “Giovanni Pascoli e la vergogna del fratello infame”, offrendo una chiave di lettura particolare del poeta romagnolo. Il programma musicale sarà dedicato alla musica leggera del XX secolo, con Elisa “Iza” Babini (voce), Luca di Chiara (chitarra) e Tommaso Sassatelli (percussioni). A completare il quadro, i vini dell’Azienda Galassi Maria e i formaggi del Caseificio Mambelli.

Domenica 6 febbraio un tuffo nella letteratura di genere con la scrittrice, sceneggiatrice e musicista bolognese Grazia Verasani e la sua produzione noir, dal romanzo d’esordio “Quo vadis baby” al più recente “Come la pioggia sul cellofan”. La colonna sonora del pomeriggio sarà a cura del Swing Era, duo composto da Giorgio Babbini (clarinetto) e Gian Marco Gualandi (pianoforte). Il piacere dell’assaggio sarà garantito con i vini dell’Azienda Celli e i sapori del Comitato Manifestazioni e Gemellaggi.

Domenica 13 febbraio un pomeriggio all’insegna della musica e della tradizione, con il professor Roberto Balzani che presenterà il libro “Cesare Martuzzi: origine ed evoluzione di una musica popolare romagnola, 1910-1932” (Ed. Il Ponte Vecchio), scritto da Stefano Orioli, prematuramente scomparso nel 2020. Il volume delinea la figura e l’opera di Cesare Martuzzi, il musicista che per primo rivivificò il repertorio della musica tradizionale romagnola, utilizzando testi poetici di Aldo Spallicci, appositamente composti in dialetto forlivese. La musica sarà, naturalmente, quella di Martuzzi, eseguita dalla Corale di Bellaria Igea Marina, diretta dal Maestro Gilberto Casali. In assaggio i vini dell’Azienda De Stefanelli e i dolci dell’Azienda Babbi.

Domenica 20 febbraio ci si trasferisce nel Teatro dell’ex Seminario a Bertinoro per lo spettacolo “Storia di Gambe, di pedali e palloni e di quel giugno del ’61 – Omaggio ad Arnaldo Pambianco” di e con Marco Balestracci. Sul palco, con lui, il chitarrista Luca Violetto che, con le note della “Topolino Amaranto” e delle canzoni d’epoca, fornirà la colonna sonora delle storie raccontate. In assaggio i vini di Giovanna Madonia e i sapori della Pro Loco Bertinoro.

Domenica 27 febbraio è “Made in Romagna” il titolo del recital di musica e parole firmato e interpretato dallo scrittore Cristiano Cavina e dal pianista Vittorio Bonetti. I due racconteranno la loro terra e le storie che la popolano usando le passioni di una vita, la musica e le parole. In menù l’assaggio dei vini della Fattoria Paradiso e i prodotti delle piadinerie di Bertinoro.

Domenica 6 marzo I Pomeriggi del bicchiere si chiudono con un appuntamento che anticipa le iniziative per la Giornata internazionale della donna. In programma un incontro con la giornalista Antonella Beccaria dal significativo titolo “I diritti e la loro negazione: l’esperienza delle donne afghane”. A seguire la proiezione del film di animazione “I racconti di Parvana”. In chiusura assaggi dei vini dell’Azienda Bissoni, dell’olio dell’azienda Nardini Loretta e le marmellate dell’azienda Ca’ Molinari.