“Quell’incontro: Annalena Tonelli vista con gli occhi di chi l’ha conosciuta”

0

In occasione del 18° anniversario dall’uccisione di Annalena Tonelli, il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo, il Centro per la Pace di Forlì, il Comune di Forlì – Assessorato alla Pace e diritti umani e la Compagnia Quelli della Via propongono uno spettacolo-testimonianza dal titolo: “Qeull’incontro – Annalena Tonelli vista con gli occhi di chi l’ha conosciuta”.

“E ora tutti insieme andiamo ad imparare ad educare il cuore…”. Questa era la frase che pronunciava Annalena assieme al suo staff, alla fine della preghiera comunitaria, prima di incominciare la giornata in mezzo ai malati, agli studenti, a tutti quei “brandelli di umanità ferita” che si relazionavano con lei. Educare significa “condurre fuori”, non solo dalla malattia ma soprattutto dall’ignoranza e aprire i cuori alla luce, trovare il lato in fiore di ogni singola creatura. Il suo “humus in cui crescere e proliferare”.

“La piaga dell’Africa è l’assenza di amore”. Sfamare non basta, Lo ripeteva spesso, addirittura dalla guerra in Somalia: “La scuola è priorità assoluta come il nutrire gli affamati. Il paese è in un baratro di ignoranza assoluta. Bisogna istruire, educare, passare il pane di vita assieme al riso e al granturco e alla farina di grano. Senza questo pane è la morte”. Ecco allora che anche in noi può nascere questo desiderio di cambiamento, il “pane di vita” è quello che dona la capacità di vedere, non solo con gli occhi, l’altro. L’altro che è qui e può essere un compagno di classe, un familiare, un collega di lavoro, il volontario accanto a me, ecc.… Lo spettacolo del 4 ottobre spinge e soffia sull’importanza dell’incontro e di come questo possa cambiare la vita.

Paolo Baccarini, regista dello spettacolo, presenta questo appuntamento: Può un incontro cambiare la vita? Cosa mettiamo in gioco nelle nostre relazioni? “The important is to be” diceva Annalena. l’importante è essere, l’importante è esserci. E la trama di questo spettacolo-testimonianza vuole raccontare proprio questo: la vita non si costruisce su idee astratte ma su una presenza ed una vicinanza concreta. E quando si esce dalla logica dei numeri per entrare in quella dello sguardo che mi riconosce esser umano, è già affianco a noi la persona che ha bisogno di un sorriso, di una carezza, della nostra semplice presenza. Quell’incontro diventa così testimonianza di persone che hanno incontrato Annalena e invitano ancora noi oggi a far tesoro dei nostri incontri, delle relazioni d’amore che salvano.

Testo in prosa dove sette attori si intervallano con Andrea Saletti, nipote di Annalena Tonelli, che ci aiuta ad entrare nel vivo della via di carità vissuta da Annalena. Il tutto legato e sostenuto da alcune delle canzoni originali composte dalla Compagnia Quelli della Via per il musical Il fiore del deserto. Porterà il saluto dell’Amministrazione comunale l’assessora Rosaria Tassinari.

L’appuntamento è per lunedì 4 ottobre alle ore 21,00 al teatro di Vecchiazzano. Ingresso gratuito, si richiede la prenotazione al 3278622022 o per e-mail: forli.centropace@gmail. Per l’occasione inoltre l’Istituto Comprensivo n.7 “Carmen Silvestroni” – plesso Zangheri, nell’ambito del progetto dedicato ad Annalena Tonelli “Far fiorire… lo scarto”, presenterà alle ore 9,00 il muretto così valorizzato dalla classe 2°F nell’a.s. 2020/2021. Sarà presente per l’occasione il sindaco Zattini.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRistorante Fiumicello
Articolo successivoRound Table Forlì: raccolti 750 € pro ricerca sulla fibrosi cistica
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).