Forlì si convenziona con il difensore civico regionale: accolta la proposta di Forlì&Co

0

Lunedì scorso il Consiglio comunale di Forlì ha approvato all’unanimità la proposta di convenzionamento con il Difensore civico regionale, avanzata dal gruppo consiliare di “Forlì e Co.” e già valutata positivamente dalla Prima commissione consiliare dopo che, in seno alla commissione stessa, era stata raggiunta una intesa con esponenti della maggioranza sulla formulazione del testo di delibera da sottoporre al Consiglio.

Torna così a essere operativo nell’ambito del Comune di Forlì l’istituto del difensore civico, che era stato attivo per vent’anni (dall’autunno del 1993 all’autunno del 2013, nelle persone prima della compianta Laura Borghi e poi di Bruno Battistini), sino a quando aveva dovuto cessare le sue funzioni a seguito della soppressione dei difensori civici comunali disposta dalla legge finanziaria 2010. Grazie alla convenzione che sarà stipulata e avrà durata triennale, sarà il Difensore civico regionale a mettere gratuitamente a disposizione dei cittadini forlivesi la sua opera e il suo ruolo di mediazione in relazione alla attività amministrativa svolta dal Comune: e ciò “per la tutela di chiunque abbia un diretto interesse e per la tutela di interessi collettivi e diffusi, in riferimento a provvedimenti, atti, fatti, comportamenti ritardati, omessi, o comunque irregolarmente compiuti da parte di uffici o servizi” (cfr. art. 2 legge regionale 16 dicembre 2003, n. 25)” si legge in una nota di Forlì&Co.

«Infatti, come si legge nelle premesse della convenzione: da un lato, il difensore civico “raccoglie le segnalazioni dei cittadini, ne valuta il fondamento e, se del caso, indica alla pubblica amministrazione la condotta legittima o più appropriata alla fattispecie, nell’obiettivo di comporre il contenzioso fin dalle sue fasi iniziali”; dall’altro, l’azione del difensore civico “si rivela altresì amica ed alleata della pubblica amministrazione, in quanto è in grado di sgravare la stessa dalla gestione dei conflitti con i cittadini e di prevenire l’insorgere di lunghi ed onerosi contenziosi giudiziari”. Si sottolinea, infine, che tale servizio non solo è gratuito per cittadini ma lo è anche per il Comune di Forlì, come è previsto dall’art. 2 della convenzione. In questo modo, il Comune di Forlì va ad aggiungersi agli oltre 50 Comuni dell’Emilia-Romagna e alla Città Metropolitana di Bologna che sono già convenzionati con il Difensore civico regionale» conclude la nota a firma di Giorgio Calderoni e Federico Morgagni.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO