Elezioni di Quartiere. Marchi: «Altro che sindaco di tutti, Zattini è di parte»

0

Convalidate le autocandidature, si avvicina l’appuntamento del 24 ottobre per l’elezione dei nuovi Comitati di Quartiere. In questi giorni si è diffusa sul web la locandina di una cena organizzata per venerdì 15 ottobre al “Circolo Repubblicani Antonio Fratti ‘Il Ghiro'”, come indicato nella locandina. Il volantino, utilizzando le immagini ed i loghi del Comitato di Quartiere e indicando tra i numeri degli organizzatori anche quello della consigliera Marinella Portolani (esponente di primo piano di Fratelli d’Italia), riporta testualmente: “Incontriamoci e conosciamoci nel nostro quartiere di Carpinello serata all’insegna della conoscenza e dell’amicizia”.

In apparenza tutto regolare, ma in realtà c’è almeno un problema di opportunità – osserva il consigliere comunale di Italia Viva Massimo Marchivisto che è risaputo nella zona e tra gli addetti ai lavori che questo evento è fatto per promuovere la candidatura al quartiere di Tonino Versari, candidato non eletto nella lista civica del sindaco Zattini e sostenitore della Lega“.

È chiaro che dietro a questa iniziativa si cela una maldestra campagna elettorale per la presentazione di uno (o più, chissà) candidati al nuovo Comitato di Quartiere Carpinello, Castellaccio, Villa Rotta, Bagnolo, Durazzanino e Borgo Sisa – afferma Massimo Marchi – che hanno trovato il modo di farsi sponsorizzare addirittura dal sindaco in persona, con buona pace dei tanti proclami che hanno sempre sostenuto che i Comitati di Quartiere sono civici, composti da volontari e assolutamente apartitici“.

Ieri in Consiglio Comunale abbiamo presentato un ‘question time’ sull’argomento – spiega Marchi – ma la risposta dell’assessora Cintorino, che non ha né confermato né smentito la partecipazione del sindaco Zattini alla cena, farebbe quasi sorridere se non fosse che lei riveste un ruolo che dovrebbe essere di garanzia per tutti i cittadini. L’assessora, infatti, ha affermato che dal volantino si evince che la cena non è organizzata dal Comitato uscente del Quartiere Carpinello, (ma viene comunque è utilizzato il logo del Comitato!) e non si svolge in locali assegnati al Comitato stesso. Una presa in giro. Abbiano il coraggio di fare l’iniziativa esplicitando di cosa si tratta – conclude Marchi – senza usare il logo del Comitato di Quartiere e il sindaco ricordi di essere il primo cittadino di tutti come ha più volte proclamato e rimandi la cena a dopo il 24 ottobre“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO