studenti universitari del Punto Europa a Strasburgo

Il Centro di informazione e documentazione «Punto Europa» di Forlì ha preso parte nei giorni 8 e 9 ottobre all’edizione 2021 dell’«European Youth Event» (EYE). Organizzato ogni due anni dal Parlamento europeo a partire dal 2014, l’EYE riunisce a Strasburgo migliaia di ragazzi e ragazze under-30 provenienti da tutti i paesi dell’Unione Europea.

Con una rappresentanza di undici studentesse e studenti del Corso di Laurea magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche del Campus di Forlì dell’Università di Bologna, già «European Union Junior Expert» per le attività di formazione e sensibilizzazione alle tematiche europee, anche il Punto Europa ha contribuito ad alimentare le conferenze e i dibattiti organizzati su alcuni temi di stretta importanza per il futuro dell’Europa. A Strasburgo si è infatti discusso di lotta alle disuguaglianze sociali, sostenibilità ambientale, costruzione di società aperte e inclusive e partecipazione dei giovani al processo democratico, riassunta nel motto «The future is ours» («Il futuro è nostro»).

EYE ha così offerto la possibilità di avvicinare punti di vista e opinioni spesso distanti tanto idealmente quanto geograficamente, in un interscambio che ha rafforzato le connessioni tra i giovani europei e lasciato loro un bagaglio di incontri ed esperienze importante per la loro crescita e formazione.

«Il Comitato scientifico del Punto Europa di Forlì ha da subito sostenuto la candidatura del nostro gruppo di studenti alla procedura di selezione del Parlamento europeo per la partecipazione all’European Youth Event» è il commento della presidente Giuliana Laschi. «La nostra esperienza sul territorio e il forte impegno nell’informazione della cittadinanza hanno poi fatto il resto. Per i nostri studenti riteniamo fondamentali le esperienze di internazionalizzazione, di scambio e conoscenza con altri gruppi europei, per alimentare quel dibattito attorno al futuro dell’Europa, che almeno in Italia spesso fa qualche fatica in più per decollare».