Proposta nata vincente, con un successo oltre alle più rosee aspettative, questa è stata la mostra ‘L’Anziano nel fumetto: personaggi, comprimari, spalla comica‘ l’evento che ha attirato nipoti e nonni dal 18 al 24 ottobre riempendo le pareti della biblioteca del Centro Sociale “Primavera“, in via Angeloni, 56. Un successo molto più ampio di quanto si era messo in previsione con una sentita ‘affluenza intergenerazionale’ e grande partecipazione di visite che, nei sette giorni, ha potuto contare oltre a circa una decina di scolaresche una presenza assidua e costante di pubblico molto interessato.

Un evento innovativo ed esclusivo per la città di Forlì con il quale l’associazione di volontariato Libera Associazione Anziani “Primavera” – APS, ha saputo degnamente mettersi in gioco, a partire dall’adesione alla ‘Giornata Internazionale delle Persone Anziane’, il 1 ottobre, e la promozione relativa all’interessante esposizione, inaugurata con la presenza dell’assessore Rosaria Tassinari, la curatrice dell’evento Maria Adele Piazza, la presidente del Centro Sociale, Paola Campacci, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo N. 7 “Carmen Silvestroni”, Nadia Mastroianni, il vicecoordinatore del Quartiere Ca’Ossi, Giuseppe Milanesi, il fumettista professionista Marco Verni, GianLuca Umiliacchi della Fumettoteca Regionale ‘Calle’ e Silvia Fantini della Cooperativa Sociale L’Accoglienza.

L’innovativo progetto ‘GenerAzioni’, che ha ricevuto i Patrocini dalla Regione Emilia-Romagna, Il Resto del Carlino, il Comune di Forlì, con la partecipazione della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì realizzato in rete con partnership di varie organizzazioni territoriali, ha proposto al pubblico la mostra dedicata all’anziano nel fumetto e ai vecchi fumetti che gli anziani leggevano da bambini. Condotta dalla Maria Adele Piazza, la presentazione dei pannelli esposti ha reso noto al pubblico le tematiche legate al medium fumettistico e alla rilevante parte della figura anziana che, dagli anni ’30 fino ai primi anni ’80, poteva vantare all’interno del contesto fumettistico. Tanti i ‘giornalini’ in mostra con le loro copertine colorate, molti vecchi fumetti provenienti dal grande contenuto del ‘Fondo Alessio Legramante’, pubblicazioni dagli anni ’20 fino agli anni ’60, che hanno reso lieti i momenti di molti anziani nel loro periodo di gioventù.

Tutto questo è stato oltremodo interessante per i moltissimi alunni delle classi provenienti dalla scuola Zangheri e dalla scuola Matteotti, con visite guidate per esprimere al meglio l’attività legata al rapporto intergenerazionale e didattico di una cultura sociale dove il fumetto ha, volente o nolente, un ruolo non marginale. Le copie esposte, come il Corriere dei Piccoli del 1916, Albi Nerbini anni ’30 con Cino e Franco, Mandrake, L’Uomo Mascherato, il Pioniere, Il Vittorioso, Il Giorno dei Ragazzi e tantissimi altri ‘giornalini’, anche messi a disposizione per la consultazione, hanno attirato l’attenzione dei piccoli come dei più grandi. Fra i tanti elogi, alcuni commenti del pubblico: “Bellissima idea, esaustiva la spiegazione.”, “Bellissima, ti fa risentire bambina.”, “Complimenti per l’iniziativa e l’impegno rivolto alle nuove generazioni.”, “Bellissima mostra che valorizza un medium dalle grandi possibilità.”, solo per citarne alcuni.

Come se non bastassero, fra le conferme del successo anche le donazioni di fumetti, una pervenuta da una persona anziana che avendo fumetti in solaio ha ritenuto più adeguato renderli ancora utili e funzionali piuttosto che lasciarli ad impolverarsi inutilmente. Per un concreto sostegno al riavvio e mantenimento sul territorio delle attività associative, con l’adeguamento alle misure di prevenzione, il progetto rilancia e rafforza la socializzazione con temi culturali e sociali, interessanti sia per gli anziani che per gli adolescenti. Attraverso le varie iniziative il Centro Sociale ‘Primavera’ intende attivare azioni di animazione della comunità, in grado di promuovere e valorizzare le relazioni intergenerazionali nel contesto di una cittadinanza attiva e propositiva, aperta al coinvolgimento delle giovani generazioni. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni Tel. 0543/63169, caossiprimavera@gmail.com.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa conferenza su "Dante e i traditori del nono cerchio" e a 900Fest democrazia, periferie
Articolo successivoIl saluto commosso dell'ambasciatore armeno alla Festa di San Mercuriale
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.