Predappio alla scoperta delle opere di Mastro Lupo

0

Inaugura sabato 25 settembre il primo percorso lungo le vie del Comune di Predappio alla scoperta delle opere di Benito Partisani, meglio conosciuto come Mastro Lupo.
Nella sua vita (Predappio, 1906–1969) ha disseminato opere e messaggi nel nostro territorio che ora possono essere scoperti e valorizzati grazie al sapiente lavoro di Massimo Sassi e Silvia Mantovani. Nulla sarebbe stato possibile senza la passione e la dedizione di Monica Partisani, nipote dell’artista. La sua è un’instancabile opera di ricerca e di trasmissione del messaggio di un artista che sarà sempre ricordato per le sue opere, ma anche per la sua umiltà e la sua dedizione nel voler trasmettere l’amore per l’arte e per il territorio predappiese.

L’Amministrazione comunale, attraverso l’ufficio cultura, e in particolare il vicesindaco Luca Lambruschi, ha voluto valorizzare la ricerca svolta portando in stampa la cartina “In cammino con Mastro Lupo” che potrà accompagnare ogni amante dell’arte lungo le strade di Predappio alla ricerca della bottega, delle ceramiche, degli affreschi e delle sculture dell’artista. Il viaggio porta da Fiumana, da villa Pandolfa, fino alla Rocca delle Caminate, da San Savino fino a Predappio Alta.

Sabato 25 settembre alle 16,30 il percorso inizierà in via Palmezzano a Predappio, dalla bottega di Mastro Lupo e dopo un cammino di circa un chilometro porterà in piazza Sant’Antonio. Tra il racconto di ex allievi, di studiosi e di una guida turistica, si scopriranno le opere di Mastro Lupo disseminate lungo il paese. Una navetta porterà poi i visitatori a Predappio Alta per ammirare un tesoro quasi sconosciuto, il ciclo pittorico di Benito Partisani nella chiesa di Santa Maria Assunta. Dopo un aperitivo presso la “La Vecia Cantena d’la Pre’” si farà ritorno al punto di partenza. La visita è totalmente gratuita. Per poter utilizzare la navetta è necessario il green pass. È obbligatoria la prenotazione telefonando al 0543/921766 o con messaggio WhatsApp al 3481617182.

A ogni partecipante sarà consegnata la cartina “In cammino con Mastro Lupo” che sarà anche scaricabile sul sito visitpredappio.it o ritirabile gratuitamente presso l’ufficio turistico del Comune di Predappio a palazzo Varano o presso Santa Rosa durante le aperture del sabato pomeriggio e della domenica.

Il percorso artistico

Benito Partisani scoprì la sua passione per l’arte a La Spezia, dove, ancora adolescente, frequentò lo studio dello scultore Angiolo Del Santo. Recatosi a Roma per il servizio militare, Partisani si perfezionò seguendo i corsi dell’Accademia di Belle Arti. Fu invitato a partecipare alla Biennale di Venezia ma vi rinunciò a causa di un articolo giornalistico che alludeva non alle doti del giovane pittore ma a una ipotetica segnalazione da parte di Benito Mussolini, allora Capo del Governo. Questo episodio, spinse il pittore a diffidare di certe forme di divulgazione dell’arte e a rinunciare alla partecipazione a mostre sia collettive sia personali. Nel dopoguerra fu eletto Sindaco del Comune di Predappio e continuò a dedicarsi al suo lavoro artistico rafforzando il legame con il paese natale e firmando le sue opere con lo pseudonimo di Mastro Lupo. Nei suoi dipinti e nelle sculture in ceramica trattò ogni tematica figurativa, dal paesaggio alla natura morta, dalla figura umana al ritratto, spaziando dai contenuti sacri a quelli di carattere sociale. Nel 1951, collaborando con Vincenzo Stagnani, fondò e fu docente al Corso di addestramento per ceramisti a Predappio.