Fumettoteca-Centro-Fanzinoteca-Umiliacchi-Giornata-Internazionale-Gioventu-2019

A Forlì torna, per mezzo del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, La “Giornata Internazionale della Gioventù” ovvero il “International Youth Day” anche per il 2021. Grazie ad una specifica e ragionata esposizione consultabile, realizzata appositamente per la manifestazione internazionale, nella sede fanzinotecaria di via Curiel 51, si proporrà al pubblico un messaggio socio-culturale per la gioventù. Si potrà quindi consultare l’esposizione intitolata “Youth Day Fanzines” che, per la giornata di giovedì 12 agosto, presenta una apertura straordinaria pubblica, dalle ore 14,00 alle 18,00. Con la disponibilità dello Staff Fanzinoteca, e l’esperto nazionale fanzinotecario Gianluca Umiliacchi, saranno chiarite tutte le domande e i dubbi del pubblico sull’universo fanzinotecario giovanile.

Obiettivo dell’iniziativa è organizzare un’attività di informazione pubblica, a supporto della Giornata Internazionale, per promuovere una migliore consapevolezza e necessità di coinvolgimento per i giovani, consapevoli o meno del loro importante ruolo negli sforzi globali. Per informazioni dettagliatamente 3393085390, fanzinoteca@fanzineitaliane.it. Fanzine in omaggio, fino ad esaurimento, per gli intervenuti. La “Giornata Internazionale della Gioventù” è un evento che funge da celebrazione annuale per il ruolo dei giovani, riconosciuti come partner essenziali nel cambiamento generale, e per aumentare la consapevolezza delle sfide e dei problemi che devono affrontare gli stessi giovani nel mondo. La Giornata si celebra ogni anno il 12 agosto per portare le questioni giovanili all’attenzione della comunità internazionale e per celebrare il potenziale dei giovani come partner attivi nella società globale. Attraverso l’educazione giovanile, l’impegno, l’innovazione e le soluzioni imprenditoriali, la manifestazione mira a fornire una ulteriore conoscenza per i giovani allo scopo di permettere a loro il proseguimento del percorso sociale e individuale con a disposizione maggiori strumenti.

Un’istruzione più inclusiva e accessibile per garantire opportunità di apprendimento permanente per tutti. Il programma della gioventù dell’Unesco sottolinea nel suo lavoro che i giovani non sono solo beneficiari, ma sono leader e partner essenziali nella ricerca di soluzioni ai problemi affrontati dai giovani nel mondo di oggi. Devono essere pienamente coinvolti nello sviluppo sociale mettendo in primo piano le voci dei giovani e incoraggiando gli stessi ad agire, come da 11 anni fa la Fanzinoteca d’Italia 0.2. La Giornata internazionale della Gioventù è una giornata di sensibilizzazione designata dalle Nazioni Unite. Lo scopo della giornata è attirare l’attenzione su un determinato insieme di questioni culturali e legali che circondano i giovani, la prima IYD è stata osservata il 12 agosto 2000.

In tutto il mondo si svolgono eventi per celebrare questa giornata. Il programma mondiale di azione per la gioventù sottolinea l’importanza delle attività ricreative per lo sviluppo fisico e cognitivo dei giovani e invita i governi e gli enti locali a includerle nei programmi di pianificazione urbana e di sviluppo sociale. Una occasione, quindi, per visitare il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, unica realtà in Italia, cercando di comprenderne la reale importanza socio-culturale che riveste, con i suoi oltre 11.000 documenti fanzinotecari, cartacei, audio e video, nonché studi e saggi sull’editoria fanzinara, fino alle stesse tesi di laurea che vengono gratuitamente supportate con assistenza esterna.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAttivate tre nuove stazioni di ricarica per le auto elettriche
Articolo successivoBiondi e Viroli: «No alla chiusura della Motorizzazione Civile di Forlì»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.