gatti

Perché il “International Cat Day – Giornata Internazionale del Gatto”? Forse perché sta diventando l’animale domestico più popolare al mondo? Dagli ultimi dati, si stima che la popolazione mondiale di gatti raggiunga i 600 milioni, incluso i 7 milioni che vivono in Italia! E a Forlì? Bisogna informarsi! Intanto la Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle” aderisce, domenica 8 agosto con apertura pubblica straordinari dalle 14,00 alle 18,00, all’iniziativa mondiale con una proposta dal titolo “Gatto ci cova!”, proponendo una esposizione di moltissimi gatti cartacei, buoni compagni di lettura, e due gallerie consultabili online con divertenti e comici gatti di tutti i colori.

La Giornata Internazionale del Gatto è un evento di sensibilizzazione pensato per imparare a proteggere tutti i gatti, indipendentemente dal fatto che condividano la loro casa con noi, che vivano per strada o che siano selvatici. Indipendenti, furbi e pieni di energia, i gatti conquistano sempre più cuori, e divani, una data per celebrare gli amici felini in tutto il mondo ma non solo, anche, un appello a non abbandonarli. Infatti è proprio agosto il mese in cui molti di loro si ritrovano senza casa e senza famiglia. Per informazioni dettagliate 339 3085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it Fumetti in omaggio, fino ad esaurimento, per il pubblico.

Ma se ci sono 600 milioni di gatti nel mondo, quanti sono i gatti nel fumetto? Tanti? No, molto di più! Infatti nella mostra e nelle gallerie si possono vedere Silvestro, Felix, Garfield, Tom & Jerry, ma anche i primissimi come Krazy Kat, Felix o Mio Mao, e poi gatti come il satirico Fritz the Cat, gli Aristogatti e ancora, Autogatto, Trottolino, Miciolino, Micetto, Gattolino, Top Cat, Nicotina, Miao, Geremia, Mooch, Joe Felix, Birba, Gatto Matto, Ottag, Malachia, Grattachecca, Cagliostro con molti, molti altri ancora e la lista si può allungare fino a, per ultimi, ma non di minor interesse, i cattivi “gatti” di Maus. Grazie alla Giornata Internazionale del Gatto, nel contesto della Fumettoteca, si propone sotto un’altra luce questi pelosi personaggi e, forse, proprio leggendone le storie con protagonisti i simpatici felini, qualcuno si potrà ritrovare stimolato a poterne averne uno reale e, perché no, adottandone uno abbandonato.

Cos’è la Giornata Internazionale del Gatto? Dal 2020, l’International Cat Care si occupa dell’evento Internazionale, istituito nel 2002 dall’IFAW (Fondo internazionale per il benessere degli animali), e festeggiato l’8 agosto con l’obiettivo di accrescere la sensibilità delle persone nei confronti dei gatti, e trovare nuovi modi per sostenerli e proteggerli. Tutti amano i propri gatti e desideriamo celebrare la gioia con cui riempiono ogni giorno le loro vite. Prendersi cura dei propri amici a quattro zampe viene molto naturale. Ed ecco anche tanti gatti fumettosi, da qui prende forma l’idea per la realizzazione di una “Gattoteca – biblioteca dei gatti cartacei”, con già in sede molti documenti per poterla riempire! La Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle”, con l’associazione di volontariato attiva sul territorio forlivese, da 11 anni, per mezzo del solo lavoro di volontariato e col supporto collaborativo del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, il Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, pone la “Biblioteca dei Fumetti” come concreto polo d’attrazione socio-culturale gratuitamente disponibile ed unico in tutta la Regione Emilia-Romagna.

CONDIVIDI
Articolo precedenteForlì Calcio a 5: confermati La Corte e Berti, arriva anche Gatta
Articolo successivoConfcommercio: “Siamo pronti sul green pass, ma non a controllare i documenti di identità"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.