La grande staffetta

0

La grande staffetta. Regia di Francesco Mansutti, Vinicio Stefanello. Genere: Docu-fiction. Italia, 2021, durata 86 minuti.

Un puzzle commovente sulla solidarietà e la resilienza di atleti che non hanno mai mollato. Ad un anno dal drammatico incidente di Alex Zanardi, viene proposto questo film per incoraggiare gli italiani a ripartire dopo il covid e per sostenere tutti coloro che vorrebbero avvicinarsi allo sport.

Alex Zanardi nel 2020 organizza una gigantesca staffetta di 17 giorni che attraversa l’Italia, da nord a sud e pensata non solo per i partecipanti ma per tutto il Paese bloccato da un lockdown infinito. Questo film fa riflettere. Alex non ha mollato e i suoi compagni di avventura sono rimasti con lui. Alex che durante la staffetta ha un altro incidente continua a non mollare anche stavolta la moglie gli rimane accanto che decide, insieme agli atleti, che la staffetta non deve finire. Il giro, infatti, non si ferma e si arriva all’ultima tappa con tanta commozione ed energia.

Giovanni e Daniela

CONDIVIDI
Articolo precedentePerché oggi la politica è ignorante
Articolo successivoAlbergo Ristorante del Lago
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).