Centro-Nazionale-Studi-Fanzine-Energie-Diffuse-Regione-Umiliacchi

Perché è importante il “World Youth Skills Day – WYSD”? L’importanza dello sviluppo di competenze per i giovani vede l’annuale celebrazione il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, con ben 11 anni di ininterrotta attività, partecipare con una esposizione consultabile e una apertura pubblica straordinaria per giovedì 15 luglio, dalle ore 14,00 alle 18,00. Attivarsi come ruolo chiave per promuovere la competenza nei giovani, garantendone la continuità dello sviluppo, è uno degli scopi che l’associazione di volontariato ha messo in atto fin dal 2010.

Le soluzioni si reinventano in un contesto in grado di considerare non solo le realtà del presente, ma anche le possibilità per il futuro, colmandone le lacune. Presso la sede fanzinotecaria con la “Giornata Mondiale per le Competenze Giovanili” ci si allinea al contesto per mezzo delle tantissime produzioni, accattivanti ed innovative, che i giovani di tutto il mondo sono in grado di realizzare con fanzine, auto-edizioni e autoproduzioni. Forse non tutti sono a conoscenza che il 90% degli ex-fanzinari, grandi appassionati, col tempo siano diventati professionisti nel loro settore, nomi come Red Ronnie, Andrea Pazienza, Enrico Brizzi ne sono un piccolo esempio, ma non mancano molti, molti altri. La stessa Forlì ha potuto vedere forgiarsi, attraverso le pagine delle fanzine, attuali grandi autori e professionisti di livello internazionale come Davide Fabbri, Marco Verni, Onofrio Catacchio e Guglielmo Signora.

Si possono fornire ai giovani le competenze necessarie per accedere al mondo del lavoro, comprese le competenze per il lavoro autonomo, ad esempio attraverso l’apprendimento basato sull’impegno e attività legata alla propria passione. Si offre opportunità di sviluppo delle competenze che, negli anni, hanno portato molti appassionati a diventare professionisti nel campo della propria passione. L’esperto nazionale Fanzinotecario, Gianluca Umiliacchi precisa: “Un impegno, il nostro, sia sociale che culturale, il tutto solo di volontariato, che in 11 anni è ben collaudato dimostrando la propria unicità e grande professionalità, riconosciuta localmente, regionalmente e nazionalmente, anche dal Ministero della Cultura“.

Le due realtà gestite, la Fanzinoteca e la Fumettoteca, con le proprie unicità possono fornire gratuitamente ai giovani il supporto e gli strumenti per costruirsi le competenze necessarie, oggi più che mai. I giovani di età compresa tra 15 e 24 anni sono particolarmente esposti alle conseguenze socioeconomiche della pandemia. La chiusura di scuole e luoghi di lavoro sta portando a perdite di apprendimento e formazione. Per richiamare l’attenzione della comunità internazionale sui problemi e lanciare un appello sull’urgenza di colmare il gap tra formazione e mercato del lavoro, nel dicembre 2014 l’ONU ha istituito il “World Youth Skills Day – WYSD”, da celebrare il 15 luglio di ogni anno. Si celebra l’importanza strategica di dotare i giovani delle competenze per l’occupazione, il lavoro dignitoso e l’imprenditorialità.

CONDIVIDI
Articolo precedentePresentazione del libro "Prendendo il volo" di Aurora Dozio alla Fabbrica delle Candele
Articolo successivoDdl Zan, Vietina: «Sì a stessi diritti per tutti, ma l’educazione resti compito della famiglia»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.