Vertenza “La Fenice Security”. Morgagni: «Attenzione e impegno delle istituzioni»

0

«Come riportato anche da diversi organi di stampa, lo scorso 21 luglio i 3 sindacati confederali hanno proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti della società “La Fenice Security” in appalto ai Musei civici di Forlì, lamentando la persistenza di problematiche relative al mancato rispetto delle norme di legge e contrattuali di riferimento. In particolare, le organizzazioni dei lavoratori hanno segnalato criticità in relazione a: rispetto del monte ore contrattualmente previsto, mancato svolgimento della formazione obbligatoria sulla salute e sicurezza, turni di lavoro non assegnati, revoca unilaterale di ferie e permessi a copertura di orari di lavoro rimasti scoperti, incongruenze tra le comunicazioni al centro per l’impiego di rapporti di lavoro a tempo determinato e contratti di lavoro individuali sottoscritti a tempo indeterminato, comunicazioni di licenziamento a 5 lavoratori per mancato superamento del periodo di prova» è l’analisi di Federico Morgagni capogruppo di “Forlì&Co.”.

«In attesa di un primo incontro per le procedure di conciliazione fra le parti presso la Prefettura (inizialmente fissato per il 28 luglio, ma slittato alla prossima settimana), la vicenda dei lavoratori de “La Fenice Security” ha sollevato diffusa sensibilità e attenzione nell’opinione pubblica forlivese, a maggior ragione visto che ad essere coinvolte sono le maestranze dei Musei civici, un complesso che può essere considerato vanto e fiore all’occhiello del patrimonio culturale cittadino anche grazie alla professionalità e alle competenze di coloro i quali vi lavorano» insiste Morgagni.

«Tenuto conto del peculiare ruolo dell’Amministrazione comunale di Forlì, committente dell’appalto per il servizio operato dalla società “La Fenice Security”, durante il Consiglio comunale di giovedì abbiamo posto la vicenda all’attenzione del Comune, auspicandone una azione incisiva per favorire una conciliazione fra le parti e, di conseguenza, una positiva soluzione della vertenza. Preso atto dell’impegno dell’Amministrazione a seguire con attenzione gli sviluppi della vertenza, sin dall’imminente incontro in Prefettura, e contribuire alla sua risoluzione, da parte nostra riaffermiamo la volontà di impegnarci e vigilare affinché venga riconosciuto il diritto dei lavoratori e delle lavoratrici all’occupazione e ad un lavoro di qualità che ne rispetti la professionalità e la dedizione e che sia coerente con l’importanza dei Musei civici come polo culturale di eccellenza di Forlì» conclude Federico Morgagni.